Seguici su

Cerca nel sito

“Fare! Con Tosi” interroga il Ministro Alfano

La senatrice Bisinella:"In questi anni i cittadini sono stati privati del godimento di un bene pubblico: è ora di dire basta"

Più informazioni su

Il Faro on line – Sulla spinosa vicenda “Consorzi Marini” di Ardea, non avendo ricevuto risposta dal Sindaco Luca Di Fiori, “Fare! Con Tosi – Litorale Sud Roma” si è rivolto ai propri parlamentari al fine di interrogare il Ministro su cosa intende fare per far ripristinare la legalità e restituire il mare ed il bene pubblico ai cittadini.

Questa mattina, la Senatrice Patrizia Bisinella, dopo aver presentato in Senato l’interrogazione al Ministro Angelino Alfano, ha dichiarato: “Ho presentato un’interrogazione urgente affinché il Ministro dell’Interno Alfano faccia luce su quanto sta accadendo ad Ardea, comune marino in provincia di Roma dove ai cittadini viene impedito di accedere liberamente alle spiagge dopo che alcuni consorzi hanno chiuso gli accessi, di fatto impossessandosi di un tratto di costa pubblico”.

“I referenti di “Fare! con Tosi – Litorale Sud Roma” segnalano come già alcuni anni fa siano state riscontrate numerose violazioni di legge, tra cui il blocco al transito sulle strade comunali, parcheggi privati abusivi sulle vie, recinzioni su alcuni tratti di spiaggia che sono diventati ad uso privato – afferma Bisinella -. Ma nonostante questo sembra che l’amministrazione comunale e le forze dell’ordine continuino ad ignorare il problema. I nostri referenti locali il 14 aprile scorso hanno protocollato una nota con la quale hanno chiesto al sindaco di Ardea sia che cosa intenda fare per risolvere il problema, sia accesso alla documentazione relativa alla concessione rilasciata ai consorzi, ma non c’è stata risposta. È invece evidente come in questi anni i cittadini siano stati privati della possibilità di usufruire dei beni pubblici, strade, spiagge ed altro, di cui risulta si siano impossessati arbitrariamente gli stessi consorzi. Chiedo al Ministro di intraprendere una verifica urgente delle responsabilità che hanno determinato una tale situazione di irregolarità e inadempienza da parte dell’amministrazione comunale ai danni della comunità”.

Più informazioni su