Seguici su

Cerca nel sito

Costituito il Comitato per la Democrazia Costituzionale

Il Comitato si schiera apertamente per il no alle riforme e vuole coinvolgere tutti i cittadini con incontri divulgativi, banchetti informativi e raccolta firme

Più informazioni su

Il Faro on line – Si è costituito anche a Civitavecchia, come in molte altre città italiane, il Comitato per la Democrazia Costituzionale (Cdc), per dire No alla riforma della Costituzione e fermare l’introduzione della nuova legge elettorale (Italicum).
Le due riforme saranno oggetto dei Referendum di ottobre: un appuntamento fondamentale per il nostro Paese, che segnerà in ogni caso l’esercizio della democrazia in Italia.
 
Secondo il Comitato la riforma del Senato stravolgerà la democrazia rappresentativa, concentrando il potere nelle mani di un solo partito: il Senato non sarà più eletto dai cittadini e non voterà più le leggi ordinarie; la centralità del Parlamento voluta dai padri costituenti per garantire la libertà dei cittadini al termine del ventennio fascista, verrà eliminata. Col rischio di un nuovo accentramento di potere nelle mani di un solo partito.

La nuova legge elettorale (Italicum), sarà lo strumento per esercitare quel potere: il partito che uscirà vincitore dalle elezioni, anche solo col 25% dei votanti, avrà la maggioranza assoluta dei parlamentari ed il Governo del Paese. In più, i partiti sceglieranno autonomamente 100 capilista che saranno i primi ad essere eletti, riducendo ulteriormente le indicazioni degli elettori.

 Il Comitato si è costituito con l’adesione di liberi cittadini e la sua composizione rimane aperta a successive adesioni, senza formalità e su un piano di parità.

La raccolta firme avrà inizio sabato 21 maggio 2016 dalle 10:00 alle 13:00 in via Lorenzo Bernini (zona tendone mercato); sarà possibile inoltre firmare il giorno seguente, domenica 22, dalle 10:00 alle 13:00, insieme ai referendum sociali, in Largo Arditi del Popolo ed anche nel pomeriggio di domenica dalle 17:00 alle 20:00, sempre in Largo Arditi del Popolo.

Più informazioni su