Seguici su

Cerca nel sito

Le scuole al 4° posto in Italia nella sfida di Anci sul corretto smaltimento dei rifiuti

Pascucci: "Il Comune ha conseguito risultati veramente eccezionali"

Più informazioni su

Il Faro on line – Doppio successo per gli studenti delle scuole Salvo D’Acquisto, Giovanni Cena e Don Milani, di Cerveteri. “Il comune di Cerveteri – ha comunicato ufficialmente il delegato Anci Energia e Rifiuti, Filippo Bernocchi al Sindaco Alessio Pascucci – si è distinto nel progetto didattico Raee@scuola, conseguendo risultati davvero eccezionali: ha conquistato il 4° posto sia nella classifica nazionale dei comuni ad aver raccolto più chilogrammi di Raee in assoluto, che in quella dei comuni che hanno raccolto più chilogrammi in proporzione al numero di alunni partecipanti”.

Per entrambi i riconoscimenti il Comune di Cerveteri sarà premiato il prossimo 25 maggio, a Roma, presso la sede Anci Nazionale, alla presenza dei Presidenti della Commissione Ambiente della Camera e del Senato e del Sottosegretario all’Ambiente Barbara Degani. La premiazione si terrà alle ore 11.00 in Via dei Prefetti n.46.

“Un eccellente risultato che ci rende orgogliosi e che premia le scuole del nostro Comune – ha detto Francesca Cennerilli, Assessora alla Pubblica Istruzione di Cerveteri – gli alunni e le famiglie hanno aderito con entusiasmo e crediamo che questo sia un segnale molto positivo per tutta la Città”.

“Siamo estremamente soddisfatti dell’ottima riuscita di questo progetto – ha detto Elena Gubetti, Assessora all’Ambiente – i ragazzi hanno raccolto in appena due giorni circa oltre una tonnellata e mezzo di rifiuti elettrici. Tutto materiale che, altrimenti, sarebbe finito in discarica a spese della nostra Comunità. Invece questi materiali sono ora stati avviati al recupero e al riciclo, con un sensibile risparmio sia dal punto di vista economico che ecologico”.

Sono diversi i progetti per la tutela ambientale portati avanti dall’Amministrazione comunale insieme alle scuole di Cerveteri.
Proprio ieri, gli studenti dell’Istituto Giovanni Cena hanno raccolto i primi frutti del la sperimentazione del compostaggio di prossimità.

“Coadiuvati dal personale della Camassa e della Asv – ha spiegato Elena Gubetti – gli studenti hanno estratto dalla macchina il compost prodotto nelle settimane precedenti dagli scarti alimentari dei refettori scolastici, e mescolato a del terriccio, hanno messo a dimora piante e fiori nel cortile scolastico. Un progetto avviato in via sperimentale che speriamo di poter estendere in futuro anche al resto del territorio”.

Più informazioni su