Seguici su

Cerca nel sito

Iis “L. Da Vinci”: una raccolta fondi per l’acquisto dei computer

Maucioni (dirigente scolastica): "Tre furti in brevissimo tempo ci hanno privati di quasi tutta la nostra dotazione informatica"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Trasformare i sudditi in cittadini è miracolo che solo la scuola puo’ compiere”. “Da molti anni questa frase di Pietro Calamandrei guida i passi del Leonardo da Vinci: abbiamo compiuto e sostenuto scelte che – oltre alla indispensabile azione di insegnamento- offrissero ai nostri ragazzi opportunità di conoscenza, confronto, crescita sui fatti che accadono nel mondo o su quelli del passato in cui affondano le nostre radici di libertà e democrazia.
Si dice che la vera forza si vede nei momenti di difficoltà e per noi del Leonardo questo lo è per davvero: siamo stati defraudati di tutto quello che con lunghi anni di sacrifici avevamo costruito per i nostri ragazzi, tre furti in brevissimo tempo ci hanno privati di quasi tutta la nostra dotazione informatica.
Abbiamo bisogno del vostro aiuto per acquistare di nuovo i nostri computer ma vogliamo offrire qualcosa, quello che sappiamo e possiamo fare: occasioni di incontro, di cultura, di crescita umana” – lo afferma in una nota Antonella Maucioni, dirigente scolastico.

“Così con l’aiuto di tanti- Comune, Aziende, Associazioni – abbiamo organizzato tante iniziative a cui Vi proponiamo di partecipare chiedendovi in cambio un contributo volontario per l’acquisto dei computer. Proprio come una squadra la nostra comunità educativa scende in campo per giocare una partita molto importante: quella della speranza che con l’aiuto di Voi tutti sia possibile ricostruire, ripartire.

Un grande pedagogo, Reuven Feuerstein, ha affermato che nella nostra vita i problemi, gli ostacoli rappresentano certo momenti difficili ma sono insieme delle grandi opportunità di crescita e miglioramento; noi crediamo in questo messaggio e ci siamo messi al lavoro per testimoniarlo, ora confidiamo nel Vostro indispensabile sostegno perché diventi una realtà” – conclude la Maucioni.

Più informazioni su