Seguici su

Cerca nel sito

Evade dai domiciliari: arrestato due volte in un giorno

L'uomo allontanato dal luogo di detenzione in assenza di autorizzazione, è stato tratto in arresto e condotto nuovamente presso la propria dimora

Più informazioni su

Il Faro on line – I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno tratto in arresto, per ben due volte durante la stessa giornata, P.L.A., romeno 27enne, penalmente censito, poiché responsabile del reato di evasione. Il primo arresto è stato eseguito dai Carabinieri della Stazione di Santa Marinella che, nel pomeriggio di ieri, hanno proceduto al normale controllo di P.L.A. poiché ristretto presso la propria abitazione, sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Lo stesso non è stato trovato in casa e le immediate ricerche svolte dai militari di quel Comando Stazione hanno permesso di individuarlo per le vie di Santa Marinella. P.L.A. pertanto, essendosi allontanato dal luogo di detenzione in assenza di autorizzazione, è stato tratto in arresto e condotto nuovamente presso la propria dimora per rimanervi sottoposto al regime degli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Civitavecchia.

Successivamente, nel corso della serata, P.L.A. ha deciso di allontanarsi nuovamente dall’abitazione, andando a importunare la ex compagna nei confronti della quale aveva un divieto di avvicinamento imposto dal Giudice. Così i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Civitavecchia, intervenuti per evitare più gravi conseguenze, hanno nuovamente tratto in arresto il soggetto per evasione. L’uomo però, considerata la tendenza ad allontanarsi dal proprio domicilio, è stato trattenuto per la notte in Camera di Sicurezza in attesa del rito direttissimo, nel corso del quale dovrà rispondere di entrambe le evasioni perpetrate nella giornata di ieri.

Nel corso di altra operazione eseguita nella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Ladispoli hanno tratto in arresto S.C.M., 35enne romeno, penalmente censito, in esecuzione di ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Civitavecchia. L’uomo, a seguito di passaggio in giudicato della sentenza di condanna a suo carico, dovrà scontare la pena di 4 anni per i reati di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori, commessi in Ladispoli dal 2008 al 2012. Lo stesso è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Civitavecchia ove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Più informazioni su