Seguici su

Cerca nel sito

Bandiera Verde Eco-School ai tre plessi dell’Istituto Comprensivo G. Carducci

Il sindaco Mitrano: "E' un bel successo per le nostre scuole che premia anche la politica ecosostenibile della nostra Amministrazione"

Più informazioni su

Il Faro on line – Conquistata la bandiera verde Eco Schools dai tre plessi dell’Istituto Comprensivo Carducci (Carducci, Virgilio e Piano): un prestigioso riconoscimento europeo che premia la politica verde dell’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Cosmo Mitrano. La partecipazione dell’Istituto Comprensivo Carducci al programma Eco – School, fortemente sostenuta dal governo cittadino, ha quindi avuto l’esito positivo sperato con l’assegnazione della Bandiera Verde. La cerimonia di consegna del riconoscimento europeo ai tre plessi è avvenuta il 7 giugno, presso l’Istituto Carducci, alla presenza del Sindaco Cosmo Mitrano dell’Assessore all’Ambiente Iolanda Mottola, della dirigente scolastica Maria Rosaria Macera, del personale docente e degli alunni del plesso.

Eco- school è un programma della Fee Foundation for Environmental Education, riconosciuta dall’Unesco come Leader mondiale nel campo dell’educazione ambientale e dell’educazione allo sviluppo sostenibile. Si tratta di un’iniziativa per l’educazione, la gestione e la certificazione ambientale, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado, che integra importanti elementi pedagogici (quali l’apprendimento attivo e la comunicazione ecologica) con un processo strutturato in fasi utili al miglioramento dell’ambiente scolastico.

L’obiettivo generale è quello di aumentare la maturazione di comportamenti eco-orientati: gli studenti, gli insegnanti, i genitori dei ragazzi hanno l’opportunità e gli strumenti per migliorare il mondo della loro scuola, per sviluppare le capacità nel prendere decisioni, per migliorare l’impatto dell’edificio scolastico sull’ambiente e per aumentare il senso di appartenenza alla comunità e al territorio in cui risiedono. Il programma si applica all’ambiente di vita della comunità della scuola con al centro l’edificio scolastico e il suo sistema di relazioni in termini di: impatto ambientale, formazione e didattica sui temi ambientali e stili di vita degli attori coinvolti.

La Bandiera Verde viene conferita alle scuole partecipanti ad Eco – schools che portano a termine le sette tappe caratteristiche del programma:
1. Costituzione di un Eco-Comitato che rappresenta tutta la comunità scolastica formato da alunni, insegnanti, personale non docente, famiglie, amministratori ente locale, associazioni e aziende;
2. Realizzazione di una Indagine Ambientale iniziale: l’obiettivo è di individuare la criticità ambientale dell’edificio scolastico;
3. Elaborazione del Piano d’Azione;
4. Esecuzione del Monitoraggio;
5. Integrazione Curriculare delle materie col programma ministeriale;
6. Implementazione di un processo di Informazione e Coinvolgimento con la società civile in modo che le politiche eco-dinamiche siano rese maggiormente visibili.
7. Elaborazione di un Eco-Codice: documento finale che testimonia attraverso delle regole lo stile di vita che i componenti dell’Eco-Comitato hanno adottato e si impegnano a diffondere.

Soddisfatto il Primo Cittadino che ha dichiarato: “E’ un bel successo per le nostre scuole che premia anche la politica ecosostenibile della nostra Amministrazione, premia i nostri sforzi perché Gaeta diventi una città verde! Un plauso ai ragazzi, principali protagonisti dell’iniziativa, alla dirigente Macera e a tutti coloro che hanno collaborato al raggiungimento dell’obbiettivo. Pieno riconoscimento anche al lodevole impegno dei dipendenti comunali Stefania Mancini e Giandomenico Valente che hanno seguito l’iter in tutte le sue fasi”.

Dall’Assessore Mottola il riconoscimento del super lavoro svolto dall’Istituto, ed in particolare un plauso ai ragazzi il cui impegno è stato davvero eccellente “Sono decisamente più pronti e recettivi degli adulti in materia di ambiente e sostenibilità. Possiamo confidare in essi per un futuro davvero “green” e quindi ben sperare per la nostra città “.

Più informazioni su