Seguici su

Cerca nel sito

Mancanza di acqua a Campo di Mare, Pascucci: “Soluzione di un problema antico”

Il Sindaco: "Puntiamo all'acquisizione delle reti di proprietà Ostilia e al loro trasferimento ad Acea Ato 2"

Più informazioni su

Il Faro on line –  Il Sindaco Alessio Pascucci informa i cittadini di alcune importanti novità che riguardano il servizio idrico a Campo di Mare. “Nel weekend del ponte del 2 Giugno a Campo di Mare si sono verificati disagi legati alla distribuzione dell’acqua che pensiamo non dovrebbero più ripetersi nel corso della stagione estiva. Dopo tanti anni di difficoltà, infatti, stiamo probabilmente andando verso la soluzione definitiva di questo antico problema. È bene però chiarire alcuni aspetti.
L’acquedotto di Campo di Mare, al pari delle strade, del depuratore, delle fogne e della rete di illuminazione stradale, non è di proprietà del Comune di Cerveteri. Ostilia, proprietaria delle infrastrutture, è la società che fornisce l’acqua ai cittadini della frazione; questi, infatti, non ricevono le bollette ad Acea Ato 2. Ostilia acquista l’acqua da tre fonti: dall’acquedotto delle Ferrovie dello Stato, da Acea Ato 2 e dalla Flavia Acque (l’azienda municipalizzata di Ladispoli). L’acqua confluisce in un unico serbatoio e poi viene distribuita sempre da Ostilia ai cittadini di Campo di Mare”.

“All’inizio del 2015 – ha spiegato il Sindaco Alessio Pascucci – l’acquedotto delle Ferrovie dello Stato ha subito un grave danno che ne ha compromesso il funzionamento. Il Comune, tuttavia, è stato informato da Ostilia soltanto a fine giugno, cioè con diversi mesi di ritardo. A quel punto, nonostante la questione riguardasse due privati, cioè Ostilia e Fs, abbiamo immediatamente contattato le Ferrovie che ci hanno detto che ormai era troppo tardi per intervenire. Quindi, per affrontare l’estate 2015 senza che dei disagi inammissibili si riversassero sui cittadini, riuscimmo ad ottenere dalle Ferrovie la realizzazione di una condotta provvisoria in grado di aumentare sensibilmente la portata idrica”.

“La nuova tubatura, di dimensioni molto inferiori al necessario, non era sufficiente ma rappresentava l’unica possibilità di immediata risoluzione. Subito dopo ci adoperammo affinché si facessero i lavori per la nuova condotta, quella definitiva. Qui si aprì un altro problema, perché il condominio “Marina di Cerinova”, proprietario del terreno su cui doveva passare lo scavo, ha creato una serie di difficoltà prima di convincersi a dare il consenso ai lavori, ritardandoli enormemente”.

“Qualche settimana fa – ha detto il Sindaco – finalmente i lavori sono iniziati ed entro la fine di Giugno saranno terminati. Ricordo che già nel 2014 avevamo obbligato Ostilia a far realizzare ad Acea Ato 2 una nuova dorsale idrica che aumentasse la portata della propria fonte. Quest’anno chiederemo un ulteriore potenziamento. A questo punto, con il potenziamento delle due fonti, abbiamo motivo di prevedere che il problema della mancanza di acqua sarà finalmente risolto. È però necessario far presente che da quest’anno Flavia Acque non riuscirà come in passato a fornire l’acqua a Ostilia, il che significa che l’approvvigionamento idrico di Campo di Mare si baserà soltanto sulle fonti di Acea Ato 2 e Ferrovie dello Stato”.

“Ho comunque chiesto al Sindaco di Ladispoli Enzo Paliotta di poter fare quanto in suo potere per aiutarci, in via straordinaria, nei prossimi due fine settimana, fino a che i lavori non saranno ultimati. Vorrei chiarire, inoltre, che è ferma intenzione dell’Amministrazione comunale acquisire le reti idriche di Campo di Mare e di trasferirle ad Acea Ato 2. Per fare ciò, abbiamo lavorato in questi mesi avviando già una serie di confronti tecnici. Nelle prossime settimane svolgeremo i primi sopralluoghi congiunti”.

Più informazioni su