Seguici su

Cerca nel sito

Controlli strardinari dei Carabinieri: arrestate 6 persone in meno di 24 ore

Arresti record nella giornata di ieri tra Ladispoli e Civitavecchia

Più informazioni su

Il Faro on line – Giornata intensa quella di ieri per i Carabinieri della Stazione di Ladispoli, che nel corso di servizi di controllo del territorio hanno arrestato, in tre distinte operazioni, 6 persone, di cui un minorenne, responsabili, a vario titolo, dei reati di furto aggravato, rapina, lesioni e violazione delle prescrizioni a misura cautelare.

La prima operazione è stata condotta nella sera di martedì quando i Carabinieri di via Livorno hanno arrestato, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Civitavecchia a seguito delle segnalazioni del Comando Stazione di Ladispoli, V.v., 34enne, pregiudicato del luogo, responsabile di reiterate violazioni alle prescrizioni imposte dalla misura degli arresti domiciliari a cui era sottoposto, che pertanto è stato condotto presso la Casa Circondariale di Civitavecchia ove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Inoltre, nella notte di ieri i carabinieri di Ladispoli, durante un servizio di controllo, che in vista dell’inizio della stagione estiva verrà rafforzato, hanno sorpreso tre cittadini rumeni, di cui un minorenne, intenti a forzare un distributore automatico di profilattici, posto all’esterno di una farmacia del Centro. Alla vista dei militari i ladri hanno tentato di fuggire e disfarsi di arnesi da scasso e di un personal computer, ma sono stati immediatamente bloccati.

Dai successivi accertamenti, è emerso che il computer era stato rubato, poco prima, da un autovettura in sosta. La refurtiva è stata successivamente restituita al legittimo proprietario e i tre sono stati arrestati con l’accusa di tentato furto aggravato in concorso e furto aggravato in concorso su autovettura, e mentre i due maggiorenni sono stati condotti presso il Tribunale di Civitavecchia per il rito direttissimo, il minorenne è stato accompagnato presso il Centro di Prima Accoglienza per minori di Roma, a disposizione dell’A.G. Minorile.

Non è andata bene neanche a due borseggiatori rumeni, un uomo e una donna, che ieri, sul treno regionale Roma-Civitavecchia, giunti alla fermata della Stazione Ferroviaria di Ladispoli, approfittando della calca dei passeggeri, hanno asportato con destrezza il portafogli dal borsello di un Carabiniere effettivo alla Stazione Cc di Ladispoli, che si trovava sul treno libero dal servizio.

Il militare, avvedutosi del furto, ha subito tentato di bloccare i due soggetti che, per assicurarsi la fuga, lo hanno spintonato tentando di dileguarsi tra i passeggeri. Il militare, che ha riportato lievi lesioni, li ha prontamente rincorsi e bloccati poco distante, recuperando la refurtiva. Così i due soggetti sono stato condotti presso la Caserma dei Carabinieri di Ladispoli e tratti in arresto con l’accusa di rapina impropria e lesioni e, esperite le formalità del caso, sono stati condotti presso il carcere di Civitavecchia a disposizione dell’A.g.

Nell’ambito di altro servizio coordinato, volto alla verifica del rispetto delle normative igienico-sanitarie di esercizi pubblici del territorio, i Carabinieri della Stazione Cc di Civitavecchia Principale, unitamente a personale del Nucleo Antisofisticazioni Cc di Roma, hanno proceduto al controllo di varie attività commerciali, elevando a due di queste, gestite da cittadini bengalesi, sanzioni amministrative per oltre 5.000 Euro, per mancata attuazione delle procedure di tracciabilità delle carni, sottoponendo a sequestro sanitario, per la distruzione, circa 100 kg di carne bovina e avicola, priva della prevista documentazione di tracciabilità.

Più informazioni su