Seguici su

Cerca nel sito

Incendio su un volo Alitalia per Milano

Rogo a bordo, è paura. Ritardi anche per l’impatto tra un uccello e un aereo

Più informazioni su

Il Faro on line – E’ stata una domenica sera di paura per i passeggeri di un volo Alitalia, diretti a Milano Linate da Fiumicino, a causa di un principio d’incendio sviluppatosi a bordo dell’aeromobile, prima che il velivolo decollasse. Secondo quanto emerso, a dare origine alle fiamme sarebbe stato l’Apu (auxiliary power unit), un generatore di corrente che si trova nell’area di coda, che serve a garantire l’energia elettrica necessaria a tutti gli strumenti, anche a motori spenti.

Sul posto, sono immediatamente intervenuti i Vigili del fuoco, mentre l’aereo era ancora al parcheggio in pista, espletando le procedure di controllo  precedenti la partenza. I passeggeri sono stati fatti sbarcare per poi riprendere il loro posto ad operazione di ripristino completata.
Fortunatamente, nessuno è rimasto ferito.Un altro volo diretto a Fiumicino, invece, ha subito forti riatdi a causa di uno scontro conun volatile. È accaduto domenica mattina a un aereo della compagnia Alitalia in partenza da Catania e diretto all’aeroporto di Fiumicino.

Il volo Az 01722 era programmato poco dopo l’alba dallo scalo etneo quando, in fase di decollo, si sarebbe scontrare con un uccello. Il comandante ha rallentato la manovra ed evitato la partenza. La procedura prevede che quando si verificano situazioni del genere i velivoli vengano mandati in manutenzione per gli accertamenti del caso. La partenza è quindi slittata alla 12.23 con l’atterraggio avvenuto a Roma alle 13.43. 

Quello degli impatti con i volatili è uno dei principali problemi dell’aviazione. Tanto che l’Ente nazionale che si occupa del trasporto civile ha predisposto una sezione apposita per lo studio del fenomeno negli aeroporti italiani.
La zona maggiormente coinvolta è la parte anteriore della fusoliera con il cosiddetto bird strike che si verifica principalmente durante le fasi di decollo e atterraggio. 

Le criticità maggiori si hanno quando avviene l’inghiottimento degli animali all’interno della presa d’aria della turbina degli aerei; in quel caso si può anche sviluppare un incendio.

Più informazioni su