Seguici su

Cerca nel sito

Lo spettacolo del karate Yoshokan, allo Sporting Village Eschilo 1

Due le dimostrazioni esibite dal dojo lidense. Sportiva e sociale. Insieme alle perfette tecniche della danza

Più informazioni su

Il Faro on line – Uno splendido scenario e tante esibizioni, nell’anfiteatro esterno. La luce estiva del tramonto e poi quella delle stelle della sera. Questa è stata la cornice, che ha impreziosito la manifestazione di fine anno, che ogni periodo, di inizio estate, si mostra all’Eschilo Sporting Village, di Axa/Casal Palocco. E dunque, anche per questa edizione 2016, di lunedì 7 giugno, tanti allievi di tutte le età, iscritti alle società sportive che hanno sede presso, l’Eschilo 1 dell’Axa, hanno dato vita ad uno splendido spettacolo, di emozioni e di tanto sport. Di fronte ad una platea piena, di oltre 400 persone, gli atleti partecipanti hanno mostrato la bellezza delle arti, di cui sono appassionati e sul palco, hanno trasmesso emozioni e passione, per esse. Anche l’Asd Yoshokan, lo ha fatto.

La società sportiva di arti marziali, che ha ben tre sedi distaccate, nel X Municipio, ha partecipato a questa edizione 2016, di questa importante manifestazione, con il dojo di Manuele Iacobucci, che ha sede presso il Centro Sportivo Eschilo 1. Il campione di karate, ex atleta delle Fiamme Oro, ha ideato, insieme al coreografo Daniele Baldi, insegnante di danza della trasmissione televisiva “Amici” di Maria De Filippi, ben due esibizioni, di carattere, l’una dall’altra, diverso. In questo caso, i due gruppi coordinati da essi, quello del karate e quello della danza, sono saliti sul palco, dimostrando ottime capacità tecniche, unendo insieme, sia la bellezza del karate che quella della danza stessa. Due espressioni simili del corpo, queste.

E guidate dall’interiorità e messe in scena, attraverso le coreografie, pensate, sia da Iacobucci, che da Baldi. Nella prima esibizione, prettamente di carattere sportivo, sono stati oltre 60 gli allievi di karate, che si sono esibiti sul palco e tra loro, i bambini, i ragazzi più grandi e gli adulti, iscritti alla società di arti marziali lidense, hanno dimostrato ottime capacità tecniche, esaltando quella particolare e necessaria attenzione che è propria di un praticante del karate.

E’ lo sviluppo dell’individuo nella sua totalità, il messaggio che si è voluto divulgare, tramite questa dimostrazione. E’ questo il valore fondamentale del karate e l’allenamento, che di settimana in settimana, si svolge presso la sede di Eschilo 1, dell’Asd Yoshokan, è finalizzato a questo. Oltre che, naturalmente, alle gare sportive. Questo spettacolo di arti marziali, ideato da Manuele Iacobucci ha voluto rappresentare tutti gli aspetti che vengono allenati, durante il corso. Sono stati i ragazzi agonisti/adulti a mostrarlo, mediante la difesa personale, schierando di fronte all’emozionata platea, 8 coppie.

Ognuna di esse, formata da un uomo e da una donna, ha mostrato le tecniche difensive personali, dove il primo avanzava per attaccare e la seconda, rispondeva per difendersi, mostrando le suddette tecniche fondamentali. Un momento molto emozionante, è stato quello esibito dai bambini dell’Asd Yoshokan di Eschilo 1. Tutti insieme, in cintura bianca, hanno mostrato un perfetto allineamento nell’esecuzione, delle tecniche fondamentali del karate, da fermi ed in movimento. In questo modo, il khion ha espresso tutta la sua bellezza orientale.

Dopo di essi, sono saliti sul palco, i bimbi più grandi ed il turno dei ragazzi, dai 10 ai 13 anni, ha invece mostrato, il significato ed i movimenti del combattimento sul tatami. Quello consueto, del kumite. E’ stata la misteriosa e sempre affascinante, esibizione del kata, a chiudere questa piena e prima parte dell’esibizione dell’Asd Yoshokan. In questo modo, tre atlete, muovendosi in perfetta sincronia, hanno incantato il pubblico. La seconda esibizione è stata certamente, di carattere di base, sportivo, ma ha lanciato, allo stesso tempo, mediante le tecniche di danza aggiunte, un messaggio sociale.

Per questo motivo, ha rappresentato un progetto unico ed innovativo, nel suo genere, ideato sia da Iacobucci che da Baldi. Lo scopo di essa è stato quello di fondere le due arti insieme. Quella del karate e quella del ballo, appunto. Tra di loro, molto diverse. Dando vita ad un momento unico, della serata. E’stata la karateka Giordana Esposito, la protagonista di questa esibizione. L’atleta del Centro Sportivo Eschilo 1, si è esibita in mezzo al palco, mostrando le tecniche del kata, di fronte a quelle di danza, mostrate dai ballerini, che si muovevano e alternavano intorno a lei, con la loro spettacolare break dance, simulando attacchi verso la persona: “Sogno un mondo migliore – ha dichiarato Manuele Iacobucci, a margine dell’evento, continuando – il mio obiettivo, per questo, è quello di far praticare il karate, a tante persone. Il più possibile”.

E certamente, questa seconda esibizione ha voluto trasmettere i valori forti e sicuri del karate, come arte marziale, che va a rinforzare e migliorare l’individuo, di fronte alle difficoltà della vita. Un piccolo ma importante obiettivo, raggiunto da Manuele Iacobucci, insieme ai suoi numerosi allievi, all’interno dell’anfiteatro di Eschilo 1, ma in fondo anche conquistato, quotidianamente, anche sul tatami della palestra. Il prossimo appuntamento di questa manifestazione, organizzata all’interno del Centro Sportivo Eschilo 1, si svolgerà a fine estate. A settembre, le sue società sportive, torneranno sul palco per le loro esibizioni di inizio autunno ed il X Municipio vivrà ancora una volta, il suo emozionante spettacolo sportivo.

Alessandra Giorgi

Più informazioni su