Seguici su

Cerca nel sito

Assoluti di Scherma, le Fiamme Gialle vincono 8 medaglie

Samele e la squadra di fioretto maschile, guidata da Aspromonte, vincono il titolo tricolore 2016

Più informazioni su

Il Faro on line – Le medaglie tricolori sono arrivate tutte, dalla sciabola e dal fioretto. Queste sono state le specialità premiate a Roma, in occasione degli Assoluti di Scherma 2016. Durante i Campionati Italiani, che si sono svolti dal 9 al 12 giugno, nel Centro Sportivo della Federazione Italiana Bocce, di Roma, gli schermidori delle Fiamme Gialle hanno riportato a casa, 8 medaglie.

E sin dal primo giorno di manifestazione, la gioia del podio non ha abbandonato i colori gialloverdi. E’ stato il capitano della squadra della sciabola maschile, Luigi Samele, a salire per primo sul podio e per lui, è stato subito il primo gradino ad allietare gli Assoluti delle Fiamme Gialle. Il bronzo a squadre, di Londra 2012, ha vinto il suo primo titolo tricolore individuale in carriera. Una straordinaria coincidenza di prime volte e nel giorno del debutto dei Campionati. Samele ha sconfitto in finale, Giovanni Repetti, del Centro Sportivo Esercito, arrivando a 15 punti su 11, del suo opponente, sulla pedana centrale. 

Nel secondo giorno di competizione, è stata ancora la sciabola a donare soddisfazione alla Sezione Scherma, del II Nucleo Atleti di Castel Porziano. In questo caso, la squadra maschile ha vinto un importante argento, confrontandosi con le fortissime Fiamme Oro, che hanno superato i ragazzi gialloverdi per 45 a 40. I pluricampioni per club d’Europa, Alberto Pellegrini, Enrico Berrè, Luigi Samele e Francesco D’Armiento, che da due anni, dominano questa competizione continentale, hanno messo al collo la loro medaglia, di vicecampioni italiani 2016.

Sabato 11 giugno, anche il fioretto ha dato i suoi frutti ed insieme ancora, alla sciabola. Nel primo caso, le medaglie sono arrivate dal campione olimpico a squadre di Londra 2012, Valerio Aspromonte e da Daniele Garozzo, oro a squadre in Coppa del Mondo, a Mosca 2015. Entrambe, di bronzo. Aspromonte si è fermato in semifinale, dopo un duro duello con Andrea Cassarà, dei Carabinieri, mentre Garozzo ha ceduto il passo, sempre in semifinale, ad Andrea Baldini, dell’Aeronautica. Nel secondo caso invece, la sciabola, ancora pluripremiata, ha ottenuto 2 medaglie. Sono stati Alberto Pellegrini e Loreta Gulotta, a mettere il loro metallo, del terzo gradino sul podio, al collo. Pellegrini ha vinto la sua medaglia, fermandosi di fronte a Giovanni Repetti, ma salendo su un podio, importante, per lui. Gulotta invece, nella categoria femminile del torneo, ha vinto il bronzo, duellando con Martina Criscio, del Centro Sportivo Esercito.

Nell’ultima giornata in calendario, quella di domenica 12 giugno, la competizione ha visto salire in pedana, ancora le squadre e nella specialità del fioretto maschile, le Fiamme Gialle hanno vinto il loro primo titolo italiano, della storia della scherma. In questo caso, Valerio Aspromonte, Giorgio Avola, Daniele Garozzo e Luigi Samele, che ha accompagnato i suoi compagni, sulla pedana centrale, delle finali, sono saliti sul primo gradino del podio, battendo in finale l’Aeronautica, per 45 a 32. I campioni d’Europa per Club 2016, gialloverdi, hanno superato in semifinale, le Fiamme Oro, per 45 a 22. Dopo di essi, anche le ragazze del fioretto sono salite sul podio e per loro, è stato l’argento, la medaglia messa al collo. Nella squadra femminile gialloverde di Castel Porziano, Carolina Erba, Camilla Mancini e Beatrice Monaco hanno lottato in finale, con le loro avversarie, della Forestale, ottenendo l’ottava medaglia dei Campionati Assoluti.

E allora, sono state proprio 8, le medaglie vinte dalle Fiamme Gialle, in questa edizione romana, degli Assoluti di Scherma. Il prossimo anno, la città scelta ad ospitare la massima competizione nazionale, sarà Gorizia. 

Alessandra Giorgi

Più informazioni su