Seguici su

Cerca nel sito

Acqua potabile, facciamo chiarezza: parla l’assessore ai Lavori pubblici Caroccia

L'Assessore: "Il Comune segnala ad Acea, che deve intervenire"

Più informazioni su

Il Faro on line – Niente acqua dal rubinetto, nessun impianto per lo smaltimento delle acque reflue: sembra una situazione da terzo mondo, eppure accade ora, nel 2016, proprio qui, nel territorio del comune di Fiumicino, alle porte di Roma. Una situazione paradossale, ma non tanto incredibile: non mancano, infatti, anche all’interno della stessa capitale, località dove una scarsa urbanizzazione si abbina purtroppo alla mancanza dei servizi essenziali. Ed in molti di questi casi le amministrazioni non hanno gli strumenti per risolvere il problema.

“Come Comune – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Angelo Caroccia – possiamo solamente segnalare ad Acea le zone non servite dalla rete idrica e da quella fognaria e sollecitare l’intervento dell’Ente. E’ Acea stessa che in seguito ha il compito di attivarsi con una progettazione e una stima dei costi relativi alle operazioni da eseguire nelle aree ancora non coperte”.

Una lenta e farraginosa macchina della burocrazia, quindi, che sembra però essersi finalmente messa in moto: “Facendo seguito alle numerose segnalazioni dei cittadini, l’assessorato ha stabilito con Acea un cronoprogramma di interventi, dando l’input per l’apertura di una serie di cantieri che andranno a sanare tutte quelle situazioni critiche che da tempo affliggono il nostro territorio”.

“A Focene – continua Caroccia – sono in via di completamento i lavori che porteranno al risanamento idrico e fognario dell’area adiacente a via delle Pinne. Sono state già fornite invece le autorizzazioni necessarie per l’apertura dei cantieri ad Aranova, nelle zone di Valle Coppa e Castiglione”.

Ad Aranova, infatti, l’Acea realizzerà una nuova condotta idrica per alimentare l’area locale di via Michele Rosi, via Vincenzo Crescini e le vie limitrofe, alimentando oltre 100 nuove utenze con un progetto che partirà entro l’estate, appena verranno completati il piano di sicurezza del cantiere e i sondaggi di sminamento previsti per legge.

“Inoltre in concomitanza con queste operazioni abbiamo richiesto ad Acea il completamento del sistema fognario di Viale di Porto e di Via dei Monti dell’Ara e l’estensione di quello giàpresente su via della Muratella”.
Non bisogna dimenticare però tutte quelle località che, sebbene coperte da servizio, combattono quotidianamente con i disagi dovuti alle rotture di impianti ormai fatiscenti: “Anche in questo caso l’Amministrazione si sta facendo portavoce dei disagi dei cittadini chiedendo che venga effettuata una bonifica delle tubature obsolete: per questo sono stati concordati con Acea alcuni lavori di risanamento sia su Fregene, in via Bussana e via la Plaia, che su Fiumicino, in via Piomarta e via Valderoa, dove è previsto anche l’ampliamento della rete idrica per una traversa ancora non coperta dal servizio”.

Più informazioni su