Seguici su

Cerca nel sito

Riciclo, Fiumicino virtuosa: sorpresa di Legambiente al Forum Rifiuti

La piattaforma logistica dell’Interporto presa come modello da imitare

Più informazioni su

Il Faro on line – Al Forum Rifiuti, è stato presentato il rapporto dell’”Osservatorio Recycle di Legambiente”, sulla sfida nel settore delle costruzioni, che fa il punto sull’innovazione nei cantieri e nei capitolati per ridurre il prelievo da cava e l’impatto sull’ambiente. Un tema che rientra pienamente nel discorso sull’economia circolare. Infatti, un rilancio del settore che permetta di ridurre l’impatto sugli ecosistemi e al contempo di creare lavoro e ricerca applicata e’ concretamente possibile, come bene dimostra la trentina di esempi di cantieri raccolti nel dossier, di edifici e infrastrutture dove sono stati impiegati materiali provenienti dal riciclo.

Il Juventus Stadium e il Palaghiaccio di Torino, la Council House di Melbourne o l’edificio del California Academy of Science di San Francisco, ma anche gli asfalti con gomma riciclata in Val Venosta, gli aggregati riciclati nel passante di Mestre o la piattaforma logistica dell’interporto di Fiumicino, sono solo alcuni esempi delle buone pratiche in corso. Queste e le altre esperienze raccontate nel Rapporto dimostrano come esistano oggi norme codificate basate sulle prestazioni, che permettono ai materiali da riciclo di poter competere sul piano tecnico e anche del prezzo, come il processo sia gia’ in corso, spinto dalla Direttiva 2008/98/Ce, che prevede che al 2020 si raggiunga un obiettivo pari al 70% del riciclo dei rifiuti da costruzione e demolizione.

Oggi non esistono piu’ motivi tecnici, prestazionali o economici che possano essere utilizzati come scuse per non utilizzare materiali provenienti da riciclo nelle costruzioni. E i vantaggi che questa prospettiva apre rilevanti. In primo luogo in termini di lavoro e attivita’ imprenditoriali, perche’ le esperienze europee dimostrano che aumentano sia l’occupazione che il numero delle imprese attraverso la nascita di filiere specializzate. In secondo luogo, nella riduzione del prelievo da cava, continua Legambiente.

Più informazioni su