Seguici su

Cerca nel sito

Petrassi: “Pieno sostegno all’iniziativa lanciata da Zingaretti ‘Cambiamo.eu'”

Il Consigliere regionale: "Sosterrò con grande convinzione questa sfida e chiederò a tutti di fare altrettanto"

Più informazioni su

Il Faro on line – Il Presidente Zingaretti ha lanciato l’iniziativa “cambiamo.eu”, una petizione per chiedere una fase costituente che ci porti verso gli Stati Uniti d’Europa. “Sostengo con grande forza e convinzione l’iniziativa lanciata oggi dal Presidente – ha dichiarato il consigliere Petrassi, Presidente della commissione Affari Comunitari – non solo perché sono sempre stato un convinto europeista, ma perché penso che in questo momento particolarmente delicato per la nostra Europa abbiamo di fronte a noi solo due alternative: una di retroguardia, volta a difendere l’esistente sperando che i movimenti populisti non continuino ad avanzare, l’altra invece un rilancio politico vero, forte, coraggioso dell’Unione stessa recuperando lo spirito dei padri fondatori a cominciare da Spinelli”.

“Appena quattro giorni fa – ha proseguito Petrassi – commentando a caldo l’esito del referendum sulla Brexit, scrissi: “Adesso serve una risposta politica forte. Proprio perché oggi abbiamo tutti avuto la prova che un’Europa debole, mera sommatoria di interessi di parte, in mano ai tecnocrati e ai burocrati di Bruxelles, e quindi priva di un’anima politica vera in cui ogni cittadino europeo possa riconoscersi, non ha un futuro. L’unica risposta seria oggi è riprendere con assoluta determinazione lo spirito del Manifesto di Spinelli e il percorso verso gli Stati Uniti d’Europa.”

“Per questo sosterrò con grande convinzione questa sfida e chiederò a tutti di fare altrettanto, cominciando con la sottoscrizione della petizione online lanciata sul sito www.cambiamo.eu.
Avanti quindi, – ha concluso Petrassi – mettiamoci la firma e la faccia. Questo è il momento giusto, come è giusto che a partire per primi siamo proprio noi italiani, adesso che grazie allo straordinario lavoro del Presidente Renzi abbiamo riconquistato una grande credibilità internazionale”.

Più informazioni su