Seguici su

Cerca nel sito

Farmacisti in aiuto nelle scuole per un progetto formativo

Il Presidente Tullio Dariol: "Speriamo che questa esperienza sia anche un modo per sensibilizzare i ragazzi al rispetto delle risorse"

Più informazioni su

Il Faro on line – L’esperimento si inquadrava in un più ampio progetto scolastico che vedeva protagonisti l’olio, l’olivo e gli usi dell’olio di oliva in genere, con attenzione all’ambiente e agli usi responsabili delle materie. Da qui l’idea di una collaborazione della scuola con esperti che fossero al contempo sensibili a tematiche sociali. Fabio Reposi, il vicepresidente di Farmacisti in aiuto, ha coordinato il laboratorio insieme ad alcune insegnanti del plesso di Ladispoli. 

“Abbiamo scelto di sponsorizzare questo progetto – interviene Fabio Reposi – utilizzando in prima persona la nostra professionalità  per avvicinare i ragazzi ad una riflessione più attenta e consapevole sulle proprie percezioni sensoriali ed utilizzo della manualità. Farmacisti in aiuto ha fornito gratuitamente la crema base necessaria per le preparazioni e guidato fattivamente il laboratorio.
Credo sia stata una esperienza bellissima per noi così come per i ragazzi e, al tempo stesso, una importante occasione per la nostra associazione di raccontare a questi ragazzi la soria di loro coetanei che vivono in maniera diversa da altre pati del mondo.
Nelle nostre attività di sostegno a distanza promuoviamo la formazione e il recupero sociale di tanti ragazzi indiani e di varie regioni africane, spesso anche con laboratori dove viene insegnato loro un lavoro pratico o una attività”.

L’attività si è svolta in due giornate: in una prima fase i ragazzi sono stati chiamati a sfruttare la propria manualità e fantasia per preparare il barattolino che solo successivamente sarebbe stato riempito con la crema.Vediamo insieme i punti:
Preparare un barattolino, della capienza di 30 cl che abbia anche un tappo preferibilmente in metallo, decorandolo con il decoupage, utilizzando carte che richiamino i temi dell’olio e dell’olivo;
Ritagliare da unastoffa di cotone colorata, usando forbici con taglio decorativo, un cerchio adatto alle dimensioni del tappo;
Quando il barattolino è stato riempito con la colla, chiudere il tappo, fissandovi il cappuccio di stoffa con cordoncino.In una seconda fase i ragazzi hanno preparato una crema all’olio di oliva, emulsionando con una spatola i due ingredienti.

Prosegue Fabio Reposi: “ Lo stupore negli occhi dei ragazzi, nel constatare che a fine lavorazione era impossibile percepire le due sostanze separate, ci fa capire quanto spesso si dia per scontato ciò che si ha. Ogni cosa è frutto di un processo, spesso lungo e laborioso; percepire ed apprezzare questo aspetto ed imparare a rispettare ciò che ci circonda è senza dubbio il più grande insegnamento che ci sentiamo di voler condividere”.

Le insegnanti coinvolte spiegano, da un punto di vista didattico, la valenza che questo progetto pratico ha per l’apprendimento: “l’esperimento, da un lato ha permesso a tutti i ragazzi di utilizzare la conoscenza acquisita sui libri di cosa sia una emulsionee di quali siano le differenze rispetto ad altre miscelazioni, dall’altro è stata l’occasione per divertirsi nel realizzare un oggetto che può essere utilizzato anche dagli adulti.
Crediamo sia fondamentale nella scuola, così come nella vita, esperire la realtà in modo plurisensoriale e sponsorizzare laboratori che possano migliorare alcune capacità esecutive, in particolar modo per alcuni ragazzi con difficoltà di diverso tipo, disprassia in primis”.

Conclude il Presidente di Farmacisti in aiuto Tullio Dariol: “Ringraziamo ancora una volta la scuola, la dirigenza scolastica e le insegnanti che con sensibilità ed interesse hanno coinvolto i propri alunni in questa esperienza. Speriamo che questa esperienza sia anche un modo per sensibilizzare i ragazzi al rispetto delle risorse e alla consapevolezza della troppo spesso iniqua distribuzione delle stesse”. 

Per avere maggiori informazioni su come sostenere Farmacisti in aiuto o i Progetti in Tanzania è possibile visitare il sito web www.farmacistiinaiuto.org oppure la Facebook Fan Page https://www.facebook.com/FarmacistiinaiutoOnlus o ancora scrivere a segreteria@farmacistiinaiuto.org o chiamare il 346-4360567.
 

Più informazioni su