Seguici su

Cerca nel sito

Lotta al commercio abusivo in spiaggia, sanzioni per oltre 15mila euro

Guardia di Finanza e Polizia Locale hanno sequestrato più di 1800 articoli in un'operazione congiunta

Più informazioni su

Il Faro on line – Operazione congiunta questa mattina tra la Guardia di Finanza della Compagnia di Tarquinia, il Comando provinciale di Viterbo e la Polizia Locale di Montalto contro il commercio abusivo e la vendita di prodotti recanti marchi di fabbrica contraffatti. L’operazione, fortemente voluta dall’assessorato al commercio del Comune di Montalto di Castro e di comune accordo con il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Viterbo, ha permesso di sequestrare circa 1800 articoli di vario genere tra cui occhiali da sole, abbigliamento da mare, borse e costumi del valore sul mercato di circa 20mila euro. I controlli hanno visto l’impiego di uomini e mezzi della Polizia locale e della Guardia di Finanza sul litorale di Montalto, dove sono state elevate sanzioni per oltre 15mila euro a carico di tre stranieri che vendevano la loro mercanzia sulla spiaggia. La merce è stata sottoposta a sequestro.

“Il rispetto della legalità è un caposaldo della nostra amministrazione – dichiara l’assessore al commercio Marco La Monica -. In questa ottica, l’attività di stamani ha voluto porre l’accento, ancora una volta, sull’importanza dei principi morali e civili che animano la nostra azione di governo”.

“Con questa operazione congiunta – aggiunge il vicesindaco e delegato alla sicurezza Luca Benni – abbiamo inflitto un duro colpo al commercio abusivo ambulante nel nostro territorio. Già nella stagione precedente avevamo iniziato a combattere questo fenomeno che dà una brutta immagine del nostro territorio e non tutela chi legittimamente svolge la propria attività commerciale. Ringrazio il Comando provinciale di Viterbo e la Compagnia di Tarquinia della Guardia di Finanza che in sinergia con il nostro Corpo di Polizia Locale si sono contraddistinti per professionalità e competenze”.

Più informazioni su