Seguici su

Cerca nel sito

Tagliente: “La nostra Spending Review risale al 2007”

"Siamo stati antesignani.  Abbiamo anticipato di 5 anni la direttiva Europea 2012/27/UE sull’efficienza energetica"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Nel 2007, quando il termine Spending Review non era conosciuto dal grande pubblico, a Firenze, abbiamo avviato il primo esperimento per il contenimento dei costi, anticipando di 5 anni la direttiva Europea 2012/27/UE sull’efficienza energetica.” Lo ha detto il Prefetto Francesco Tagliente, già Questore di Firenze e di Roma, nel corso di una intervista rilasciata per la Rivista Webmagazine Terna. Rispondendo a una delle 7 domande sull’energia rivoltagli dal Capo redattore AGIR Claudio Barnini : “Cosa fa concretamente per risparmiare energia?” Tagliente ha colto l’occasione per sottolineare che sulla efficienza energetica il nostro Paese ha anticipato di 5 anni la direttiva Europea 2012/27/UE.

“L’eccezionale e per molti versi drammatica situazione economica che vive il nostro Paese da alcuni anni, – ha premesso Tagliente – ha imposto al sistema istituzionale di rivedere le spese, sostenute a tutti i livelli, per ridurre progressivamente l’impatto sull’indebitamento. Le politiche di contenimento dei costi sono state tradotte dal legislatore in una varietà di azioni che riassumiamo a volte, anche impropriamente, con il termine Spending Review. Uno degli ambiti nei quali è possibile ottenere, oggi, i maggiori risultati è sicuramente quello relativo al consumo energetico del patrimonio edilizio esistente.”

“Già nel 2007 – ha ricordato Tagliente – quando il termine Spending Review non era conosciuto dal grande pubblico, da Questore di Firenze, ho coinvolto vari soggetti istituzionali pubblici, in un vasto e diversificato piano di razionalizzazione e riqualificazione degli spazi in uso alle strutture della Polizia di Stato fiorentina che, solo in termini di minori oneri di locazione, ha garantito un risparmio annuo di 5 milioni di euro. Tra i singoli interventi pianificati era ricompreso l’adeguamento degli impianti di illuminazione mediante la realizzazione di un sistema a risparmio energetico. “

“Nel 2010 – ha proseguito –  la successiva esperienza come Questore di Roma, mi ha consentito di replicare le iniziative promosse a Firenze. Grazie al supporto gratuito di una nota società nazionale di telecomunicazioni, ho realizzato presso la sede della Questura capitolina un sistema “smart building”, consistente in applicazioni “building automation” delle sorgenti di illuminazione degli uffici. Il risultato è stato stimato in una riduzione del 40% dei costi di energia elettrica, con picchi del 50% rispetto ai consumi ordinari.”

“Nel 2012 – ha aggiunto il prefetto Tagliente – da Rappresentante del Governo a Pisa, culla del sapere accademico e della ricerca scientifica, è stato possibile continuare nella concreta attuazione di quella stessa politica di contenimento dei costi avviata a Firenze e proseguita a Roma. In particolare è stato promosso l’incontro tra il mondo del fare, rappresentato dalla Prefettura, il mondo della ricerca, rappresentato da ENEL Ingegneria e Ricerca S.p.A., e quello del sapere, rappresentato dall’Università.

La proficua collaborazione, instaurata in particolare con la Scuola di Ingegneria dell’Università di Pisa, si è concretizzata in una prima attività di rilevazione dei consumi energetici del palazzo storico che ospita la Prefettura di Pisa e nel successivo approfondimento tecnico-scientifico delle informazioni acquisite. Il risultato delle attività è rappresentato dal complesso studio di diagnosi energetica e valutazione tecnico-economica degli interventi di contenimento dei consumi, oggetto di una Tesi di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile.

Il calcolo delle prestazioni di energia e l’individuazione degli interventi di riduzione dei consumi ha richiesto oltre un anno di riunioni, sopralluoghi e studi. Una volta effettuate le previsioni costi-benefici, ho condiviso con il Ministero dell’Interno di dare il via agli interventi di riduzione dei consumi.

I principali risultati dello studio sono stati presentati nel corso della discussione di una Tesi di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile, dalla dott.ssa Ilaria Capranelli, alla mia presenza nella veste di relatore della Tesi, del Rettore Massimo Augello, del prof. Francesco Leccese e dell’ing. Giacomo Salvadori del Dipartimento di Ingegneria dell’Energia e dei Sistemi dell’Università di Pisa.

I primi interventi per risparmiare energia sono stati già disposti sui sistemi di illuminazione (interna ed esterna). Gli ulteriori investimenti, sono riferiti all’isolamento termico dell’involucro edilizio,I vantaggi più significativi degli interventi sono quelli che si avranno con il passare degli anni: terminato il periodo di recupero dell’investimento iniziale, la Prefettura continuerà a beneficiare annualmente degli effetti di riduzione dei consumi sulla fatturazione energetica.

La ricerca – ha concluso Tagliente- è stata articolata in quattro principali attività: il rilievo in campo delle caratteristiche del sistema edificio-impianti, la valutazione della prestazione energetica dell’edificio, l’individuazione degli interventi di riduzione dei consumi energetici, l’analisi costi-benefici degli interventi proposti.

Più informazioni su