Seguici su

Cerca nel sito

Marco Boni: “Cumuli di spazzatura nelle strade, raccolta differenziata inesistente”

Noi con Salvini: "Chiediamo al Sindaco di prendere finalmente provvedimenti"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Abbiamo provato a darle fiducia, nonostante le perplessità che abbiamo subito espresso come partito e come cittadini di Ardea. Volevamo davvero sbagliarci sul conto del nuovo assessore all’ambiente nonché vicesindaco Estero, ma al momento i nostri dissensi non fanno altro che trovare terreno fertile in quanto la situazione ambientale in città e nelle borgate non è cambiata affatto: cumuli di spazzatura agli angoli delle strade, raccolta differenziata inesistente e con l’arrivo della bella stagione (ormai siamo a Luglio, quindi in piena estate) gli odori nauseabondi che circondano le nostre case sono fortissimi e ci impediscono anche di uscire di casa alle volte” – lo dichiara in un comunicato Marco Boni di Noi con Salvini – Ardea

“Le foto – prosegue la nota – che testimoniano la situazione veramente pericolosa che si sta creando sul tema rifiuti, sono solo alcune di quelle che i cittadini inviano per chiedere soluzioni attive e rapide; temiamo davvero per la nostra salute, per quella di tutti i cittadini che ancora una volta si chiedono cosa ci sia dietro la nomina di una persona che non è competente in materia, visto che il “disastro ambientale” in città continua ad essere uno dei problemi non risolti che questa amministrazione sempre più allo sbando si porta sulle spalle, non accennando minimamente a dimostrare un po’ di orgoglio dimettendosi”.

“Chiediamo al Sindaco di prendere finalmente provvedimenti, di dimostrare davvero un po’ di coraggio sostituendo l’assessore Estero o compiendo finalmente l’atto che tutti gli abitanti di Ardea attendono, ovvero le dimissioni. Siamo consapevoli che ancora una volta non verremo ascoltati, ma noi continueremo ad andare avanti, a dare voce ai cittadini e a volere per la nostra città, un’Amministrazione che sappia amarla e riportarla alla pulizia e alla legalità” – conclude la nota.

Più informazioni su