Seguici su

Cerca nel sito

I rilievi dell’Associazione FuoriPista sulla Convenzione Enac-AdR illustrati da Cantone al Senato

Effettuate dalla Commissione Trasporti della Camera apposite audizioni delle realtà cointeressate

Più informazioni su

Il Faro on line – “Lo scorso 14 luglio il Presidente dell’Anac Raffaele Cantone nella sua corposa Relazione annuale ha riferito al Senato della Repubblica i rilievi mossi dall’Associazione FuoriPista su alcuni aspetti relativi alla Convenzione-Contratto di programma Enac-AdR e alla concessione con la quale l’aeroporto di Fiumicino è stato affidato a AdR. Il 18 luglio è stata resa pubblica la Delibera n. 758/2016 dell’Autorità Nazionale Anticorruzione che riporta estesamente e in dettaglio i punti sollevati dalla Associazione FuoriPista. La delibera conclude il provvedimento di vigilanza avviato dall’Anac in seguito all’esposto dell’Associazione FuoriPista, oltre che a due interrogazioni parlamentari. Nel corso dell’indagine, sono state effettuate anche dalla Commissione Trasporti della Camera apposite audizioni delle realtà cointeressate, compreso Enac che ha tra i suoi compiti quello di vigilare sugli atti e comportamenti anche della Società Concessionaria degli aeroporti di Fiumicino e Ciampino” – lo dichiara in una nota l’associazione FuoriPista

“Successivamente all’invio di un’ulteriore memoria scritta, a fine maggio l’Associazione FuoriPista è stata convocata in audizione presso l’Anac e alla presenza della Commissione e del Presidente Cantone ha avuto modo di illustrare dubbi e perplessità in merito a:
– la procedura con la quale è stata prorogata fino al 2044, cioè per altri 35 anni e per complessivi 70 anni, la concessione per la gestione degli aeroporti di Fiumicino e Ciampino;
– le modalità di finanziamento delle opere previste i cui termini sono contenuti nella Convenzione-contratto di Programma approvata dal Governo Monti il 21 dicembre 2012; L’Associazione FuoriPista, come del resto altre realtà associative d’Italia, seguono con estrema attenzione i lavori della Corte di Giustizia Europea, chiamata a fare chiarezza sugli aspetti giuridici relativi alle varie proroghe delle concessioni aeroportuali in essere” – conclude la nota.

Più informazioni su