Seguici su

Cerca nel sito

Emergenza immigrazione: il gruppo politico “Rinnova” chiama in causa il Sindaco

Il gruppo politico: "Si emetta un'ordinanza urgente per vietare l'utilizzo dell'ex-deposito munizioni"

Più informazioni su

Il Faro on line – “È una battaglia di tutti ma va affrontata con la stessa lealtà e determinazione con la quale venne affrontata nel 2010.” Il gruppo politico di centrodestra “Rinnova” interviene sul progetto governativo di installare un campo profughi all’interno dell’ex-deposito munizioni di Tarquinia e chiede al primo cittadino di emettere un’ordinanza per dichiarare inagibile la struttura. Inoltre, “Rinnova” invita la cittadinanza a partecipare al consiglio comunale di domattina e i negozianti ad abbassare le saracinesche in segno di protesta.

“Il Sindaco emetta un’ordinanza come fece nel gennaio 2010 – dichiara il gruppo “Rinnova” – all’epoca, con il Governo Berlusconi, venne solo ventilata l’ipotesi di utilizzare la struttura come Centro di identificazione ed espulsione (Cie). Il Sindaco Mazzola firmò un’ordinanza dichiarando l’inagibilità dell’ex-polveriera. Oggi che sembra certa l’installazione di un campo profughi e governa il centrosinistra, non abbiamo ancora visto alcuna ordinanza. È solo grazie alla tempestiva richiesta delle opposizioni che domani, giovedì 28 luglio 2016, alle 8.30, durante il consiglio comunale si affronterà questa emergenza. Inoltre, alle 18, si riunirà anche il consiglio dell’Università Agraria dove sarà presa una posizione a seguito della mozione protocollata questa mattina dai gruppi consiliari “Rinnova” e “Idea Sviluppo”.

“Invitiamo la popolazione a partecipare in massa. Chiediamo ai negozianti di abbassare le saracinesche delle proprie attività. L’intera città, in segno di protesta, si deve fermare – conclude il gruppo “Rinnova” – dobbiamo lanciare a Renzi e Alfano un chiaro segnale: non vogliamo campi profughi nel nostro territorio.” 

Più informazioni su