Seguici su

Cerca nel sito

“In altre parole” in ricordo di Susetta Guerrini

Un evento per ricordare la giornalista pontina scomparsa prematuramente venticinque anni fa

Più informazioni su

Il Faro on line – “In altre parole” è l’evento organizzato dall’Assessorato alle Pari Opportunità per ricordare la giornalista pontina Susetta Guerrini, scomparsa prematuramente venticinque anni fa. 
Martedì 2 agosto, nel giorno in cui ricorre l’anniversario della morte della Guerrini, nei Giardini del Comune alle 19.30 si parlerà di informazione responsabile nel ricordo di una giornalista d’inchiesta che ha praticato la professione con coraggio e libertà. Nel corso della serata verrà presentato il protocollo d’intesa “Donne e media” firmato da Regione Lazio, Ordine dei Giornalisti del Lazio, Associazione Stampa Romana e Università La Sapienza con l’intento di promuovere una rappresentazione equilibrata e corretta delle donne nei mezzi di comunicazione di massa.  

“Un atto dovuto – afferma l’Assessora Patrizia Ciccarelli in riferimento all’iniziativa – il piede giusto con cui partire con l’Assessorato alle Pari Opportunità: fare uscire dall’oblio una figura che ha fatto la storia del giornalismo locale e che è ancora un modello di deontologia professionale per tutti coloro che lavorano nel settore dell’informazione con senso di responsabilità. Poiché è recentissima la sigla del protocollo d’intesa tra Regione, mondo della comunicazione e Università sulla narrazione rispettosa della figura femminile nei media, mi sembrava un’ottima occasione per presentare il protocollo già applicandolo”. 

Oltre all’Assessora Ciccarelli, interverranno all’incontro: il Sindaco Damiano Coletta; la giornalista e consigliere regionale Marta Bonafoni; Maria Marinelli, Presidente del centro Donna Lilith; l’illustratrice Stefania Spanò; le giornaliste Emanuela Gasbarroni e Renata Tomasini Guerrini; l’attrice e autrice Donatella Mei con un’incursione teatrale.
Ha aderito inoltre all’iniziativa l’associazione “Giulia – Giornaliste Unite Libere Autonome”.

Più informazioni su