Seguici su

Cerca nel sito

#fiumicino – Migranti, scontro frontale tra l’opposizione e il sindaco Montino

Polemica nella polemica: l'uso della pagina facebook istituzionale

Il Faro on line  – Botta e risposta opposizione-maggioranza sulla questione migranti, nata dalle proteste di Capalbio e, ovviamente, da ciò che nelle scorse settimane è accaduto a Fiumicino. In entrambi i casi si parlava di 50 migranti da sistemare in città.

La prima bordata l’ha lanciata l’opposizione: “Le dichiarazioni rilasciate oggi dal sindaco Montino sulla questione migranti sono francamente ridicole. Che non sia un fulmine di coerenza è noto ormai a tutti. Ma la sua doppia faccia è imbarazzante. A Fiumicino, dove non risiede, Montino insieme alla consorte Cirinnà e uno stuolo di senatori non ci ha pensato un attimo a spendere soldi pubblici per manifestazioni pro immigrati con tanto di palloncini colorati lanciati al cielo.

L’attacco

A Capalbio dove invece risiede quasi stabilmente con la moglie – è scritto –  in un comunicato dei Gruppi Opposizione Centrodestra Fiumicino – a parte qualche blanda parola, nulla. Niente condanna per l’atteggiamento del sindaco Pd, niente evento per l’accoglienza. I palloncini colorati lì al cielo non li lancia? Come mai non ha ancora chiesto al primo cittadino di Capalbio di realizzare una bella manifestazione pubblica pro immigrati? La solita coerenza della sinistra ‘radical chic’: ‘Solidarietà? A casa degli altri e preferibilmente lontano da casa loro'”.

La replica

Replica a stretto giro di posta del sindaco Esterino Montino: “”I consiglieri di centrodestra sono i soliti volutamente smemorati. Su Capalbio insieme alla mia consorte e a centinaia di cittadini ho già firmato qualche giorno fa una petizione per solidarizzare con la scelta del Prefetto. Peccato che siano così ciechi e pieni di rancori da non essersene accorti. Se facessero bene il proprio mestiere si sarebbero accorti che è in rete già da stamattina ed uscita sulle agenzie una ulteriore lettera mia e della mia consorte, che non mi è stata chiesta da nessuno, in risposta a Saviano che prende una posizione ferma sul tema.

Peccato- conclude Montino – che l’opposizione a Fiumicino faccia l’ennesima brutta figura. Non ho mai espresso a Fiumicino una opinione diversa da quella di Capalbio, come in realtà ha fatto la destra nostrana, che qui si mostra xenofoba per motivi elettorali, mentre a Capalbio difende la scelta del Prefetto. Vuol dire che in realtà del problema non gli importa nulla, è solo animata da malafede per un bieco consenso elettorale”.

La contro-replica

La replica non è bastata all’opposizione, che ha rincarato la dose: “Al povero sindaco Montino, dopo essere stato ridicolizzato anche da Saviano, ora non rimane che spararla grossa nel tentativo di risultare credibile di fronte a quei pochi che ancora gli danno un po’ di credito. Noi parliamo di servizi e diritti alle persone lui risponde con la tiritera della xenofobia. Noi chiediamo come mai non abbia organizzato una manifestazione pro immigrati a Capalbio, dove vive con la consorte, e lui risponde che ha firmato una lettera di solidarietà al Prefetto. La solita storia. Ormai preso dagli eventi com’è non riesce più a distinguere quando è ‘Marchese del Grillo’ e quando ‘Casperino il carbonaro’. Siamo curiosi di vedere se anche la nostra risposta sarà pubblicata sulla pagina social del Comune di Fiumicino. Altrimenti saremmo di fronte a un uso privato di uno spazio istituzionale e all’utilizzo improprio del logo del Comune, vietato dai nostri regolamenti”.