Seguici su

Cerca nel sito

#civitavecchia, pesca illegale sotto costa: sanzioni per 20.000 euro dalla Guardia Costiera

Deterrenza e tolleranza zero, questi gli obiettivi del dispositivo navale di sorveglianza messo in atto dal Centro Controllo Area Pesca di Civitavecchia

Civitavecchia, pesca illegale sotto costa: sanzioni per 20.000 euro dalla Guardia Costiera

Il Faro on line – Prosegue incessante la quotidiana attività di monitoraggio delle attività di pesca effettuate in tutta l’area di giurisdizione della Direzione Marittima del Lazio. Dopo i 4 pescherecci sanzionati nei giorni scorsi, altre unità sono finite tra le maglie dei controlli pianificati dalla Guardia Costiera per l’esercizio di pesca a strascico sotto costa nella zona vietata entro le 3 miglia o con un fondale inferiore ai 50 metri.

Deterrenza e tolleranza zero, questi gli obiettivi del dispositivo navale di sorveglianza messo in atto dal Centro Controllo Area Pesca – CCAP di Civitavecchia per assicurare una mirata vigilanza delle acque litoranee antistanti i 330 Km della costa laziale.

Alle prime luci dell’alba di ieri, è stato il battello GC A10 della Capitaneria di porto di Civitavecchia a sorprendere un peschereccio intento in attività di cattura in zona vietata, nelle acque antistanti il litorale di Santa Marinella.
Oltre all’elevazione del previsto verbale amministrativo, l’unità è stata fatta rientrare in porto per procedere al sequestro delle attrezzature utilizzate nell’illecita condotta di pesca, con la prevista confisca della rete e del pescato che, ancora vivo, è stato rigettato in mare.
Al comandante del motopeschereccio sono stati attribuiti 6 punti di penalità sulla relativa licenza da pesca che, in caso di nuove violazioni, potrà comportare anche la sospensione dell’autorizzazione per un periodo di 2 mesi.

Poco dopo, grazie ai sistemi satellitari in dotazione alla Sala Operativa di Civitavecchia, sono state rilevate ulteriori 4 violazioni da parte di altrettanti motopescherecci, sanzionati per aver effettuato pesca a strascico sotto costa nelle acque antistanti il litorale di Palidoro (RM).
Le quattro unità, tutte provenienti da Fiumicino e verbalizzate dal personale della Capitaneria di porto di Roma, sono state sorprese all’interno della fascia vietata: una di esse si trovava ad esercitare la pesca su un fondale di soli 18 metri.
Tale condotta illecita è particolarmente lesiva per l’ecosistema marino ed il relativo habitat, e non si fermeranno quindi i controlli di tutti gli Uffici Marittimi del Lazio per evitare i rilevanti danni causati dalla pesca a strascico in prossimità della costa.

Ai comandanti dei pescherecci sono state notificate, complessivamente, sanzioni amministrative per un totale di euro 20.000