Seguici su

Cerca nel sito

Rifiuti #roma: tour Muraro, ancora criticità in periferia

L'assessore: "Nessuna emergenza per settembre". Incontro con il sindaco Raggi

Più informazioni su

Il Faro on line – Tour in città dell’assessore all’Ambiente Paola Muraro. Obiettivo: verificare la pulizia della città e, quindi, la riuscita del piano di Ama che aveva come deadline sabato 20 agosto. “Alcune aree, specie in periferia, sono ancora critiche, è inutile prenderci in giro – il ‘responso’ dell’assessore -. E’ periodo di ferie anche per gli operatori Ama e, pur incrementando l’organico, non si è ottenuto in periferia lo stesso effetto che in centro”.

Settembre tranquillo

Tuttavia per settembre, quando i romani rientreranno in massa dalle vacanze, non si sarà “alcuna emergenza” in quanto “gli impianti sono svuotati e non ci sono più code”, inoltre “sono stati intensificati i giri di raccolta”. Dopo il giro in città Muraro riferisce alla sindaca (che aveva sollecitato nei giorni scorsi il tour sul territorio), ma prima – all’uscita del Tmb di via Salaria – si ferma anche con i giornalisti: “Abbiamo riconsegnato anche un campetto di calcio ai cittadini di Valle Aurelia, ma ci sono ancora zone un po’ critiche, dove stiamo cercando” di potenziare lo “spazzamento”.

La riconversione

Per l’impianto Ama di via Salaria annuncia una “riconversione: non sarà più un Tmb, qui non entrerà più rifiuto umido indifferenziato maleodorante, ma diventerà un polo tecnologico da cui usciranno materiali, ‘end of waste’. Sarà il fiore all’occhiello di Roma. Per farlo ci vogliono i tempi tecnici ed ai cittadini chiediamo di essere pazienti. Ma noi non prenderemo in giro nessuno”.

L’opposizione incalza

“Durante i sopralluoghi di stamane Muraro non solo smentisce Grillo, che aveva detto che Roma era pulita, ma dà ragione a Fratelli d’Italia ammettendo che ci sono ‘ancora aree critiche in periferià”, punta il dito Fabrizio Ghera, capogruppo di Fdi-An in Campidoglio. L’assessore “provi a rifare un tour verso settembre, quando la città sarà di nuovo piena e i cassonetti traboccheranno di spazzatura”, rincara Stefano Pedica dal Pd. Insomma, il prossimo mese sarà il terreno di prova per la tenuta dell’amministrazione a Cinque Stelle sui rifiuti.

Ecomafie

Sul calendario è già cerchiata in rosso una data: il 5 settembre, quando è prevista l’audizione di Muraro in commissione parlamentare Ecomafie, dove l’assessore dovrebbe riferire a proposito del suo dossier sull’Ama, del quale aveva parlato mentre infuriava la polemica sulle sue consulenze con l’azienda. Al termine di una breve pausa estiva,

Raggi operativa

Raggi torna operativa in Campidoglio e partecipa a diverse riunioni con gli uffici per organizzare il lavoro dei prossimi giorni. Mercoledì ci sarà un’importante giunta per discutere della nuova governance delle partecipate (taglio di aziende e Cda), ma in ballo ci sarebbe anche un atto per ridurre i compensi – che avevano generato polemiche – di alcuni esponenti dello staff della sindaca. Giorno per giorno, poi, inizia a riaffiorare il nodo della candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024.

Il caso Olimpiadi 2024

Dopo la proposta del sindaco di Frosinone a tenerle nel resto del Lazio qualora la Capitale non volesse ospitarle, arriva l’appello dell”antico’ sfidante della Raggi, Roberto Giachetti (PD): “Sarebbe bello che tutti i romani, qualsiasi sia il loro credo politico o religioso, decidessero di sospendere ogni faida e inimicizia e provassero a credere insieme in Roma 2024”. (fonte: Ansa)

Più informazioni su