Seguici su

Cerca nel sito

#fiumicino, il degrado intorno ‘sporca’ il parco Simone Costa foto

Adiacenti al giardino erbacce e calcinacci. L’area si trova nei pressi della storica scuola Grassi, al centro città

Il Faro on line – «In una città dove gli spazi aggregativi sono scarsi e le aree verdi non sono proprio il nostro fiore all’occhiello e spesso si trasformano nei simboli del degrado, il parco Simone Costa è una bellissima eccezione; in pieno centro storico è stata riqualificata una zona abbandonata, dando ai cittadini di Fiumicino un punto di ritrovo sempre pulito, ricco di verde e di giochi, per la gioia, speriamo noi, dei genitori. Il cammino di We Love Simone prosegue, anzi di più di più di più».

Era il 2013, e questo era il testo di un comunicato dell’associazione ‘We Love Simone’ che aveva preso in carico l’area, l’aveva pulita, messo le aiuole e che negli anni l’ha continuata a far cresce e mantenere a costo zero per l’amministrazione comunale. Atti di vandalismo non hanno fermato Stefano Costa e gli altri aderenti dell’associazione, che oggi tornano però a denunciare l’ennesima incongruenza di una città che stroppo spesso si trova ad operare senza una visione organica.

Motivo della protesta è l’appezzamento di terreno adiacente il parchetto; quest’ultimo ormai è meta costante di bambini e ragazzi, anche in considerazione del fatto che è proprio vicino alla storica scuola Grassi, nel centro di Fiumicino. Peccato però che attaccato al parco ci sia un pezzo di terreno ormai diventato discarica di calcinacci, con le recinzioni pericolosamente divelte ed erbacce, rovi e animali che infestano l’area. Tutto adiacente al parco per bambini.

Un’incongruenza, dicevamo, che andrebbe sanata al più presto, certamente prima dell’avvio dell’anno scolastico. Se la responsabilità è del proprietario dell’appezzamento di terreno si faccia in modo di costringerlo ad agire, oppure si agisca “in danno”.; se al contrario la competenza è comunale, si agisca a maggior ragione. Impensabile avere uno spazio bellissimo attaccato a uno degradato, non ha senso. Tantomeno davanti a una scuola.