Seguici su

Cerca nel sito

#gaeta: una biblioteca per Annarita Simeone, l’iniziativa dei Cantieri culturali

La fondatrice Mannucci: "Annarita sarebbe entusiasta di sapere che i suoi ideali vivono nelle nostre iniziative”

Il Faro on line – Sarà dedicata ad Annarita Simeone la Biblioteca dei Cantieri culturali, associazione di promozione sociale. Un sogno che si realizza in vista del tredicesimo anno di attività dei Cantieri, primo doposcuola creativo di Gaeta, centro multidisciplinare, fucina di iniziative culturali, sociali e formative. L’ente, nel 2014, in occasione dei dieci anni dalla fondazione ha ottenuto la Medaglia del Presidente della Repubblica come riconoscimento dell’elevato valore culturale e sociale delle attività proposte. “Con un patrimonio di oltre 800 libri nasce ora la Biblioteca dei Cantieri, realizzata grazie alla consulenza del Dott. Alessandro Mannucci, esperto archivista e bibliotecario, che con pazienza e professionalità ha saputo valorizzare il nostro “capitale” culturale consentendoci di offrire al pubblico un patrimonio costituito da libri di narrativa per ragazzi, adulti e in lingua, di saggistica varia (dalla filosofia alla storia passando per lo sport) e di poesia, tra cui molte prime edizioni di notevole pregio culturale.

La Biblioteca interna dei Cantieri è dedicata ad Annarita Simeone, studiosa, ricercatrice all’Università La Sapienza prematuramente scomparsa nel 2014 dopo un tragico investimento. “Con Annarita gettammo le basi dei Cantieri, è stata lei la nostra prima fan, la prima sostenitrice di quello che sarebbe diventato un progetto molto apprezzato dalla comunità gaetana e non solo”, commenta Milena Mannucci, fondatrice e presidente dei Cantieri culturali.

“Annarita sarebbe entusiasta di sapere che i suoi ideali, il suo amore per lo studio e per la cultura vivono nelle nostre iniziative”. L’amore di Annarita per la vita non è soltanto un eufemismo: la nostra amica, dopo la sua scomparsa, ha salvato la vita di sette persone a cui ha donato i suoi organi. Molti erano bambini. “Il suo cuore batte ora nel petto di una persona speciale che ho incontrato e che grazie ad Annarita continua a vivere e a sorridere.

Il bene che una persona compie può moltiplicarsi anche dopo la sua scomparsa. Per questo ci è venuto naturale dedicare a lei la nostra Biblioteca, un gioiello nato per caso, anno dopo anno, libro dopo libro, con donazioni spontanee di cittadini, amici, familiari”.

È con orgoglio che i Cantieri mettono a disposizione della comunità anche un piccola sezione dedicata ai libri sulla storia di Gaeta e delle altre città della Riviera di Ulisse. “È il Fondo Mannucci, piccolo scrigno destinato ad arricchirsi, costituito da libri conservati durante il mio percorso di studi e che voglio ora consegnare a tutti coloro che volessero consultarli”, commenta la fondatrice dei Cantieri. L’ingresso alla biblioteca è completamente gratuito. Interessanti anche i libri antichi, alcuni risalenti ai primi anni del Novecento. Tutto il catalogo della biblioteca è informatizzato; in questo modo, i libri potranno essere concessi in prestito. La mattina sarà possibile usufruire delle nostre sale lettura per consultare i volumi in totale tranquillità. La biblioteca sarà inaugurata lunedì 26 settembre alle 18.