Seguici su

Cerca nel sito

#fiumicino, via Coni Zugna, riparte il cantiere per la nuova scuola foto

I lavori in contemporanea con lo svolgimento dell'anno scolastico. Nel 2017 Fiumicino potrà contare su un nuovo nido con 60 posti con mensa interna

Più informazioni su

Fiumicino, via Coni Zugna, riparte il cantiere per la nuova scuola

Il Faro on line – Partiranno in contemporanea con l’inizio dell’anno scolastico i lavori per la nuova scuola, destinata ai più piccoli, in via Coni Zugna. Dopo il dissequestro del Tribunale in estate, è stato possibile chiamare la ditta seconda classificata per affidarle i lavori. Unico cambio di strategia rispetto all’appalto iniziale sarà il fatto che l’azienda che prende in mano il cantiere, visto il crollo, ha deciso di rinforzare e mettere in sicurezza i piloni esistenti, cosa accettata dal Comune.

La tempistica

A luglio dunque sono stati affidati i lavori, e “in questi giorni – spiega l’assessore Angelo Caroccia . sono alla firma dei dirigenti i relativi documenti, per l’affidamento ero e lo sblocco dei soldi”. Lo start vero e proprio arriverà praticamente insieme all’inizio delle lezioni. I lavori dureranno meno di un anno, e dunque nel 2017 Fiumicino potrà contare su un nuovo nido con 60 posti con mensa interna.

Il contenzioso

Notizia a margine. Il Comune ha chiesto alla ditta che aveva in mano l’appalto al momento del crollo danni per un milione e mezzo di penale; per tutta risposta l’azienda ha replicato chiedendo a sua volta un milione e 200.000 euro per danni.

La storia

Il 20 febbraio 2014 furono dati il via ufficialmente ai lavori. Per realizzare la struttura, che da preventivo costava un milione e seicentomila euro e sorgerà nell’area adiacente all’attuale scuola dell’infanzia e primaria, il programma prevedeva 600 giorni. L’11 febbraio 2015 il crollo del solaio, senza per fortuna che alcun operaio fosse coinvolto; fu interessata la parte esterna, che affaccia sulla strada, non le aule. Ma comunque un danno che costrinse il fermo e la rivisitazione del progetto.
Ora si riparte, e si spera non ci siano ulteriori intoppi.

Più informazioni su