Seguici su

Cerca nel sito

Roma 2024, Matteo Renzi: “Dire di no alle Olimpiadi, sarebbe molto triste. Siano i Cinque Stelle a dire si, o no”

I Giochi sono una grande occasione di crescita, anche per le periferie. Ne è convinto, Matteo Renzi ed attende la decisione del Sindaco di Roma

Più informazioni su

Roma 2024, Matteo Renzi: “Dire di no alle Olimpiadi, sarebbe molto triste. Siano i Cinque Stelle a dire si, o no”

Il Faro on line – In attesa che avvenga l’incontro risolutivo, tra il Sindaco di Roma, Virginia Raggi ed il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, Matteo Renzi, a Rtl 102.5, prende la parola, sulla candidatura di Roma 2024. E’ una questione, a cui lui tiene molto: “Se Raggi non firma la lettera, Roma è fuori”. Secondo l’iter di presentazione della candidatura, allegati al dossier della città, già redatto dal Comitato Promotore romano, sono necessari anche altri documenti, tra cui una lettera in cui, il Sindaco della città candidata, appoggia tale iniziativa e garantisce i presupposti, affinché i Giochi si possano svolgere, già firmata in precedenza da Marino e confermata dal Commissario Tronca: “Se fosse fuori – prosegue a dichiarare Renzi, a Rtl 102.5sarebbe un errore. Dire di no alle Olimpiadi, sarebbe un atto veramente molto triste. Ho l’impressione che Roma, stia in testa, rispetto a Parigi, Los Angeles e Budapest”.

In un momento di crisi, della Giunta Raggi, in Campidoglio, lo stesso Sindaco di Roma si è riservata come noto, di parlare della candidatura di Roma, con il Giovanni Malagò. Quello, sarà il punto focale e decisivo, per il destino di Roma sportiva. Il Presidente del Consiglio ritiene che i Giochi siano un grande volano di investimenti per la città e Barcellona, ne è un esempio: “Portano molti soldi, anche per le periferie, per le realtà sociali e per chi è in difficoltà”. Se tuttavia, la decisione della Raggi fosse negativa, Renzi non si arrende e pensa di candidare Milano, per il 2028. Dopo l’incontro tra il Sindaco di Roma e Malagò, il destino di Roma 2024, verrà deciso. E tra circa un mese, dovrà essere consegnata al Cio, la seconda parte della documentazione.

Più informazioni su