Seguici su

Cerca nel sito

#ardea, Giustini: “I Consorzi Abusivi Marini continuano ad usurpare il bene pubblico” foto

Fare con Tosi: "Non se ne può più di vivere in un Comune diventato terra di nessuno"

Ardea, Giustini: “I Consorzi Abusivi Marini continuano ad usurpare il bene pubblico”

IUl Faro on line – “Il Sindaco di Ardea Luca Di Fiori, risponde alle accuse del Presidente del Consorzio di Colle Romito in ordine alla spinosa questione delle piazzole di stoccaggio dei rifiuti ingombranti esistenti all’interno di quell’agglomerato urbano e per i quali, prima il Tar e poi il Consiglio di Stato hanno dato ragione al Comune.

Lo stesso Primo Cittadino afferma testualmente… Catini dice che le scelte del Comune sono state contraddittorie e assurde. Le scelte del Comune sono state avallate prima dal Tar e poi dal Consiglio di Stato. Colle Romito è un quartiere del Comune di Ardea e non un’entità locale autonoma…

Tutto giusto, se non fosse però che lo stesso Sindaco di Fiori non sia così solerte a rispettare le sentenze della Corte di Cassazione, il Codice della Navigazione e le ultime direttive della Regione Lazio in merito agli accessi al mare tramite la rimozione delle barriere architettoniche dai Consorzi Abusivi Marini, che grazie alla sua “complicità” continuano ad usurpare il bene pubblico.

Non se ne può più di vivere in un Comune diventato terra di nessuno. Applichi la legge, Sindaco! – lo dichiara in un comunicato Walter Giustini di fare con Tosi Litorale Sud Roma.