Seguici su

Cerca nel sito

Terremoto, Fdi e Terra Nostra: ”Interrogazioni per conoscere il piano emergenziale antisismico scuole Lazio”

Nobilio e Santori: ''Ad oggi ci risulta che province e città metropolitana possano contare su 495 milioni di euro di stanziamenti contenuti nella finanziaria 2016, ma ad oggi questi fondi non risultano essere stati impegnati per le finalità previste''

Terremoto, Fdi e Terra Nostra: ”Interrogazioni per conoscere il piano emergenziale antisismico scuole Lazio”

Il Faro on line – ”A pochi giorni dalla riapertura delle scuole riteniamo necessario avere adeguate garanzie sulla sicurezza degli edifici. I drammatici eventi che hanno colpito lo scorso 24 agosto i comuni di Amatrice, Accumoli ed Arquata ripropongono il tema della sicurezza antisismica nell’edilizia scolastica. Secondo i dati del Miur, nella nostra provincia non tutte le scuole sono state costruite o ristrutturate a norma di legge: basti pensare che il 44% dei plessi scolastici della Regione Lazio è stato edificato prima del 1975” – dichiarano in una nota Federica Nobilio, consigliera comunale di Albano esponente di Terra Nostra Italiani per Giorgia Meloni e Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia.

”Il rischio è dunque sotto gli occhi di tutti – prosegue il comunicato -. Ad oggi ci risulta che province e città metropolitana possano contare su 495 milioni di euro di stanziamenti contenuti nella finanziaria 2016, ma ad oggi questi fondi non risultano essere stati impegnati per le finalità previste. E’ nostra intenzione presentare nei prossimi giorni insieme ai colleghi di Fratelli d’Italia, Edmondo Segrella e Marco Silvestroni, un’interrogazione al Sindaco di Albano per conoscere se esista o meno nel nostro Comune un Piano di Emergenza Comunale in caso di rischio sismico, così come disciplinato dalla normativa regionale e nazionale vigente; se già sono in previsione stanziamenti del bilancio comunale oppure se sono state avviate le richieste di finanziamento agli enti sopracitati per intervenire su eventuali consolidamenti o ristrutturazioni necessari a garantire la sicurezza dei plessi”.

”Alla luce di queste perplessità – conclude Santori -, e per avere maggiore chiarezza sulla condizione generale riguardante la nostra regione, presenterò anche un’interrogazione al presidente Nicola Zingaretti in cui chiederò conto dell’esistenza di un piano emergenziale valido per tutto il territorio laziale e in particolare per le zone a rischio, al fine di conoscere anche quali sono le risorse stimate per la prevenzione antisismica per l’edilizia scolastica sul territorio. Precauzione e programmazione devono essere le linee portanti su cui agire per ridurre al minimo le conseguenze di episodi sismici simili a quelli che hanno interessato il centro Italia”.