Seguici su

Cerca nel sito

#formia, colto con 6000 pasticche di ecstasy vicino alla stazione ferroviaria

Il giovane pusher non era nuovo a questo tipo di attività, arrestato dalle Fiamme Gialle

#formia, colto con 6000 pasticche di ecstasy vicino alla stazione ferroviaria

Il Faro on line – Giovane pusher campano viene sorpreso dalle Fiamme Gialle nei pressi della stazione ferroviaria di Formia con alcuni sacchetti sospetti. I finanzieri del Gruppo di Formia, impegnati nell’attività di controllo del territorio per la prevenzione e la repressione dello spaccio e del consumo di stupefacenti, individuano, con l’ausilio del cane antidroga Bam che aveva fiutato la presenza di stupefacenti, un 22enne originario di Benevento con residenza a Roma.

Alla vista dei finanzieri il giovane cerca di scappare e di disfarsi di tre sacchetti che aveva con sè, ma viene prontamente bloccato dagli uomini del colonnello Andrea Bello, che recuperano i tre sacchetti, all’interno dei quali ritrovano e sequestrano nove pastiglie di ecstasy, sei grammi e mezzo di funghi allucinogeni e un fiore di Cannabis, dal quale si ricava la per accertare marijuana ed un trita erba.

Dopo aver accertato in caserma che il giovane beneventano, nullafacente residente nella Capitale, era già stato arrestato diverse volte per spaccio di sostanze stupefacenti, il comando di Formia ha attivato i Baschi Verdi di Roma perché eseguissero una immediata perquisizione nell’abitazione romana del campano. E dalla perquisizione domiciliare sono scaturite altre importanti scoperte che hanno ulteriormente aggravato la posizione del pusher.

Sono stati infatti ritrovati altri due chilogrammi di ecstasy (pari a circa 6.300 pastiglie), dello stesso tipo di quelle rinvenute addosso al giovane campano fermato allo scalo ferroviario di Formia, e inoltre tre piante di Canapa indiana, alte dai 60 agli 80 centimetri, cinque grammi di marijuana e due bilancini di precisione. Sia la sostanza stupefacente che gli strumenti utilizzati per confezionare le dosi di droga sono stati sottoposti a sequestro e il campano arrestato per detenzione a fine di spaccio di stupefacenti.

Le indagini delle Fiamme Gialle proseguono per accertare eventuali collegamenti del 22enne beneventano con altri spacciatori del sud pontino e di capire se la sua presenza a Formia rientrasse in un appuntamento prestabilito presso la stazione ferroviaria del Golfo con altri elementi della zona o se si trattasse di un passaggio occasionale per prendere il treno diretto nella Capitale.