Seguici su

Cerca nel sito

#civitavecchia, Cozzolino e Manuedda: “Respinto al mittente l’ennesimo tentativo di mandare il Comune in emergenza rifiuti”

Accolto il ricorso che consentirà la regolare gestione dei rifiuti fino all’apertura della nuova stazione di trasferenza

Civitavecchia, Cozzolino e Manuedda: “Respinto al mittente l’ennesimo tentativo di mandare il Comune in emergenza rifiuti”

Il Faro on line – La nuova stazione di trasferenza dei rifiuti a Fosso del Prete è ultimata e pronta a ricevere i compattatori di Città Pulita. Prima di procedere all’apertura è necessario attendere qualche giorno per alcuni adempimenti burocratici, indipendenti dalla possibilità di azione del Comune .

Per questi motivi, approssimandosi la scadenza del 15 settembre fissata dal Consiglio di Stato, l’Amministrazione Comunale nei giorni scorsi aveva chiesto alla Regione Lazio una proroga tecnica di quindici giorni al fine di continuare a utilizzare la vecchia stazione di trasferenza a Fosso Crepacuore, proroga che gli uffici regionali, per l’ennesima volta ponendosi in posizione tutt’altro che collaborativa, hanno rifiutato.

Grazie alla collaborazione tra i legali di Hcs e quelli del Comune, stamattina è stato proposto con urgenza ricorso al Tar del Lazio contro il diniego regionale alla proroga tecnica e nel pomeriggio è arrivato il provvedimento del Giudice Amministrativo che ha accolto il ricorso e che consentirà la regolare gestione dei rifiuti in città nei prossimi giorni, fino all’apertura della nuova stazione di trasferenza.

Il sindaco Cozzolino e l’assessore Manuedda dichiarano: “Abbiamo respinto al mittente l’ennesimo tentativo di mandare il Comune di Civitavecchia in emergenza rifiuti. Dispiace notare tutto questo accanimento verso una comunità per meri scopi politici ma siamo felici di constatare che per l’ennesima volta il TAR e la giustizia danno ragione a questa amministrazione. Ringraziamo gli avvocati del Comune e di Hcs per l’ottimo lavoro svolto”.