Seguici su

Cerca nel sito

Roma 2024, in attesa della decisione della Sindaca Raggi, lo sport sogna la sua Olimpiade

L’85% dei cittadini romani vuole i Giochi. Il Codacons organizza un evento risolutore su questo tema ed il mondo dello sport si mobilita

Roma 2024, in attesa della decisione della Sindaca Raggi, lo sport sogna la sua Olimpiade

Il Faro on line – Prima, una lettera degli atleti di Rio 2016, alla Sindaca Raggi e poi tanti altri messaggi, inoltrati, dal mondo dello sport. Uno per uno. Tutti con lo stesso messaggio e lo stesso desiderio. Non abbandonare quel sogno olimpico, di una candidatura, che probabilmente, sarà vincente. Almeno, a quanto sembra. Soprattutto, su Parigi. Si vedrà poi, nel 2017, se Roma gareggerà a Lima, con Comitato Promotore in sala, insieme ai membri del Cio, che dovranno poi decidere. Intanto, i cuori degli sportivi battono all’unisono, tutti per Roma. Ed anche Alex Zanardi, nuovo campione paralimpico della cronometro e vicecampione a Cinque Cerchi, nella gara individuale di handbike H5, di Rio, alza voce e cuore, per sostenere Roma.

Il messaggio di Alex Zanardi ed il dietro front del codacons. Lo fa mediante un video promozionale, diffuso dal Comitato Promotore, sui canali social. Ed Alex sogna. Insieme a tanti colleghi di gara e tanti appassionati di sport: “Olimpiadi e Paralimpiadi possono essere una grande occasione e un’opportunità di crescita per i Paesi e le città ospitanti”. E’ del 16 settembre, un sondaggio del Codacons. L’85% dei cittadini romani vuole le Olimpiadi a Roma. E lo stesso organo che si pone alla difesa degli utenti e dei consumatori, ha fatto marcia indietro, appena i numeri favorevoli ai Giochi, si sono rivelati: “Un deciso cambio di rotta – ha indicato una nota del Codacons – solo tuttavia, a condizione di un vero e proprio progetto strutturale, per trasformare le Olimpiadi in una opportunità di ricchezza per i cittadini e la salvezza delle periferie”.

Nel secondo capitolo del dossier romano, c’è la voce della mobilità. Si prevede un completamento dell’anello ferroviario, fino al rinnovamento delle stazioni, metro e dei treni. Un toccasana, eventualmente, per Roma e per le sue popolose periferie. Dunque, un punto di forza, per queste ultime, votate alla crescita. Probabilmente. Come indica lo stesso dossier, le Olimpiadi avranno una funzione di acceleratore, per lo sviluppo della città. A Roma 1960, fu così. Anche se, alcuni denunciano il fatto, che molte tasse in sovrapprezzo, si stiano pagando, anche per quell’evento lontano. Luci e ombre. Alti e bassi. Ma bisogna decidere, presto ed in fretta, il 7 ottobre si avvicina.

Diana Bianchedi esorta la Raggi a parlare chiaro. E allora a 361 giorni dalla decisione definitiva del Cio a Lima, i cuori e le menti si scaldano e tutti guardano al Campidoglio. La Raggi dovrà decidere se mettere la sua firma, sulla lettera di garanzia, che dovrà accompagnare il dossier, sulle scrivanie ufficiali del Cio. Si attende con ansia, un eventuale incontro tra lei ed il Comitato Promotore. Nei prossimi giorni, si vedrà se tale appuntamento, potrà far luce su Roma ed il sogno 2024. Intanto, il popolo dello sport si fa avanti, per difendere il suo mondo. E torna a parlare, il leggendario Zanardi: “Io come atleta e come italiano, non posso che essere estremamente orgoglioso, che questa candidatura venga proposta”. La bellezza di Roma è grande. In una intervista rilasciata al Corriere della Sera, Diana Bianchedi, Direttore Generale della candidatura di Roma 2024, a margine della fine delle Olimpiadi di Rio, esorta la Raggi a decidere: “Ci dia una risposta chiara”.

L’evento del Cosacons e l’eredità dei giovani, di Roma 2024. Viene allora dallo stesso Codacons, l’organizzazione di un evento importante, in cui discutere di questo tema. Mercoledì 21 settembre, sono invitati, il Sindaco Raggi, il Coni ed il Presidente Malagò, insieme al Prefetto di Roma ed il Presidente del Consiglio. Insieme ad Confcommercio e Confindustria. Sarà, la volta decisiva ? Intanto, Zanardi sottolinea, inviando un messaggio importante, di vita, a tutti i giovani, la legacy principale delle eventuali, Olimpiadi a Roma: “E’ la passione che ti può traghettare fino all’orizzonte, che stai inseguendo”.

E quell’orizzonte si avvicina a grandi passi. Poco sopra il cielo, che sovrasta la capitale. E quei colori che dovrebbero cambiare, per il cuore di un atleta, dovrebbe prendere dei bagliori dei Cinque Cerchi olimpici.