Seguici su

Cerca nel sito

#Roma2024, il Campidoglio dice “no” alla candidatura di Roma olimpica

Doccia fredda sullo sport italiano: “Non vogliamo le Olimpiadi del cemento” ha detto la Raggi, in conferenza stampa

Il Faro on line – Arriva il no, alla candidatura di Roma 2024, da parte del Campidoglio. Nel pomeriggio del 21 settembre, alla conferenza stampa, tanto attesa, nella Sala della Protomoteca, post incontro saltato con i vertici del Coni e di Roma 2024, la Sindaca Raggi ha annunciato che le Olimpiadi non fanno parte del progetto capitolino: “E’ da irresponsabili dire di sì, a questa candidatura”. Ha principiato, la Raggi, continuando: “Con queste Olimpiadi, quello che si chiede è di aumentare i debiti già esistenti. Noi non ce la sentiamo. Non abbiamo nulla contro lo sport e contro le Olimpiadi”. Ha sottolineato, Virginia Raggi. Il divieto della sua Giunta si concentra soprattutto là, sulla eventuale cementificazione: “Non vogliamo che lo sport sia utilizzato, per accrescere la colata di cemento sulla città. Siamo pieni di impianti inutilizzati. No, alle Olimpiadi del mattone. I Giochi sono una sorta di assegno in bianco. Lo dice l’Università di Oxford”.

IL NO ALLA CANDIDATURA ED IL PROGETTO CAPITOLINO SUGLI IMPIANTI ESISTENTI

La Raggi ha proseguito a chiarire che, lo sport è un tema molto importante per il programma del partito sulla città: “Siamo propositivi. Vogliamo bene allo sport e vogliamo che esso diventi, una parte integrante di Roma”. La Sindaca ha illustrato alcuni progetti, che sono in essere, per riqualificare gli impianti sportivi comunali, ad esempio, come quello esistente a Tor Vergata. In questo caso, ha spiegato che quello delle famose “vele”, sarà rivalutato e riprogettato.

IL PERCHE’ DEL MANCATO INCONTRO CON IL PRESIDENTE MALAGO’

Il desiderio della Sindaca Raggi e del programma elettorale del Movimento Cinque Stelle, è quello di trasformare Roma in una città metropolitana, a misura europea. Lo scopo della sua consigliatura è quello di migliorare la Capitale ed intervenire sulle esigenze maggiori per Roma. Esse non comprendono i Giochi Olimpici, considerati dalla Raggi, un pericolo per il futuro. La prima cittadina ha spiegato il perché del suo mancato incontro, con il Presidente del Coni: “Ho fatto avvisare, che stavo arrivando ed il Presidente Malagò è andato via”.

Dopo, il “no” di Mario Monti a Roma 2020, è arrivato anche quello della Sindaca Raggi, alla candidatura di Roma 2024. Già pronta una mozione di sfiducia, per la decisione di appoggio precedente, della Giunta Marino, nei confronti della stessa candidatura, che la maggioranza in Aula, discuterà e voterà nei prossimi giorni.