Seguici su

Cerca nel sito

#fondi, Macaro: ”Investire in servizi culturali per rilanciare il turismo locale”

I musei, le biblioteche e le strutture del patrimonio ambientale e monumentale rappresentano una entità considerevole di beni di valore e significato culturale

Fondi, Macaro: ”Investire in servizi culturali per rilanciare il turismo locale”

Il Faro on line – Il turismo rappresenta, anche in tempi di crisi, una voce importante dell’economia nazionale e locale e i musei, le biblioteche e le strutture del patrimonio, ambientale e monumentale rappresentano una entità considerevole di beni di valore e significato culturale.

Sulla base di ciò si può considerare il museo come un pubblico servizio, teso alla conservazione, tutela, conoscenza e promozione dei beni di cui è testimone e depositario e si può ritenere soggetto attivo nella società e protagonista di una parte della funzione educante che la società esprime. Esso rappresenta un interlocutore fondamentale per un turismo che intende qualificarsi come turismo culturale.

Sta mutando il modo di fare turismo e in particolare il turismo culturale. Il soggetto turista è sempre più un viaggiatore dotato di senso critico e curiosità del visitatore. Sembra un turista più vicino a quella sensibilità culturale che proviene dal mondo dei musei, quasi consapevole del ruolo che essi hanno nel campo della formazione e della ricerca.

“Alla crescita della consapevolezza dell’importanza strategica dei musei, delle biblioteche e dei beni culturali per lo sviluppo economico del paese si sta attenendo anche il Comune di Fondi, – dichiara Fabrizio Macaro, capogruppo “IoSi” in Consiglio Comunale – il quale ha partecipato, insieme ad un consorzio di Comuni e al Sistema Bibliotecario del Sud Pontino all’avviso pubblico finalizzato alla promozione dei sistemi museali, bibliotecari e degli archivi storici degli enti locali Legge Regionale 23 ottobre 2009, n. 26 – Disciplina delle iniziative regionali di promozione e conoscenza del patrimonio delle attività culturali del Lazio”.

“Attualmente la Biblioteca comunale di Fondi “Dan Danino di Sarra” è accreditata nell’ambito dell’Organizzazione Bibliotecaria Regionale (Obr), ed ha attivato già da un anno, con ottimi risultati, il servizio di biblioteca digitale, mentre per quanto riguarda il Museo Civico del Castello Caetani, l’amministrazione comunale a guida del Sindaco De Meo, sta attivando le procedure per accreditare il Museo nell’Omr (Organizzazione Museale Regionale), così come stabilito dalla normativa regionale di riferimento L.R. 42/1997”.

Un primo passo – continua Macaro – si è avuto già all’inizio del 2016, periodo in cui risulta un incremento dei visitatori del museo, grazie all’apertura giornaliera del Castello Caetani che ha permesso di triplicare il numero degli ingressi rispetto al 2015. Occorre a questo punto, prendere atto delle rispettive dinamiche ed esigenze, riconoscendo la rilevanza del servizio che i musei rendono ai fini della promozione di una società capace di formare e di formarsi, per questo bisogna investire sul nostro patrimonio storico, artistico e culturale e la certificazione del Museo di Fondi in ambito Regionale, permetterà allo stesso di riportare al suo interno diverse opere d’arte, attualmente esposte in altri musei, come il busto marmoreo di Augusto, rinvenuto in località S. Anastasia e di allestire mostre d’arte temporanee e permanenti di carattere nazionale ed internazionale”.