Seguici su

Cerca nel sito

Roma 2024, martedì 11, decisiva conferenza stampa di Malagò. Bach a Roma, per il convegno Sport e Fede

Un’agenda fitta di impegni per il Cio. Niente Roma 2024. Solo martedì Malagò parlerà. Dentro e fuori

Roma 2024, martedì 11, decisiva conferenza stampa di Malagò. Bach a Roma, per il convegno Sport e Fede

Il Faro on line – Non si parlerà di Roma 2024. Almeno per questa settimana. Lo ha detto, Giovanni Malagò, a margine della celebrazione dei 50 anni della Scuola dello Sport, la mattina del 5 ottobre. Fino a giovedì 6, il Presidente del Cio, Thomas Bach, sarà presente nella Capitale d’Italia, per partecipare alla Conferenza Internazionale “Sport e Fede”, in svolgimento in Vaticano, alla presenza di Papa Francesco.

CONFERENZA STAMPA DI MALAGO’, MARTEDI 11
Ci sarà una conferenza stampa, probabilmente fissata per martedì 11, nella quale, Malagò svelerà gli argomenti espressi, in colloquio privato con Bach: “Così racconterò tutto”. In questo modo, ha dichiarato il Presidente del Coni. Ha aggiunto: “E’ un impegno che ho preso con Bach e con tutto il Cio. Lo devo rispettare”. Si riferisce a quanto richiesto dallo stesso massimo esponente del Cio, a Malagò. In questi giorni, in cui la conferenza di Sport e Fede, si sta svolgendo a Roma, sono tanti gli argomenti extra candidatura di cui parlare e di cui lo sport mondiale ha necessità. Si preferisce dedicare allora, incontri ed attenzione, solo a questa tematica: “Sia il Vaticano, che il Cio mi hanno pregato di non rilasciare dichiarazioni sulla candidatura di Roma 2024”.

LE DICHIARAZIONI DI THOMAS BACH
Prima di entrare nella Sala Nervi in Vaticano, in vista dell’inaugurazione del convegno mondiale, Thomas Bach ha rivelato: “Sono venuto per ascoltare ed essere informato su cosa sta succedendo a Roma. La politica sa essere molto interessante – ha poi aggiunto – cosa dirò a Malagò sulla candidatura romana? Lo saprà prima lui, di voi”. Ha concluso.

LA DATA SENSIBILE DEL 3 FEBBRAIO
Sono giorni frenetici per il progetto olimpico di Roma. Il 7 ottobre è prevista la scadenza, per la consegna della seconda parte del dossier, che probabilmente sarà inviato ugualmente. Dando principale importanza, alla data del prossimo 3 febbraio. Più delicata, per il prosieguo della candidatura. Il Presidente Malagò ha sottolineato che non esiste un piano B, per Roma 2024 e che non può stare in piedi, un tavolo senza una gamba. L’incontro con la stampa, di martedì prossimo scioglierà tutti i nodi del caso e finalmente, il mondo dello sport italiano saprà se continuare a confidare nel sogno del 2024. Tuttavia, potrebbe esistere in cassetto, un progetto di candidatura per il 2028. Nei prossimo giorni, si vedrà