Seguici su

Cerca nel sito

#aranova, disagi per i pendolari la segnalazione di crescere insieme: “Dove sono le pensiline?”

Severini: "Sono due giorni che i residenti di Palidoro, Maccarese e Passoscuro vivono un’odissea senza fine"

Più informazioni su

#aranova, disagi per i pendolari la segnalazione di crescere insieme: “Dove sono le pensiline?”

Il Faro on line – “Era il 2 gennaio 2015, circa 600 giorni fa. L’Amministrazione comunale annunciava il via ai lavori di messa in sicurezza delle fermate bus e l’installazione di nuove pensiline, sottolineando che, dopo gli interventi già effettuati ad Aranova, il piano sarebbe stato esteso alle altre località. A un anno e dieci mesi di distanza siamo qui a chiederci dove siano questi interventi”.

A parlare è Roberto Severini, presidente dell’associazione Crescere Insieme.
“Sono due giorni – prosegue – che i residenti di questa località e non solo (Palidoro, Maccarese, Passoscuro hanno tutte lo stesso problema) vivono un’Odissea senza fine. La forte pioggia non solo ha nuovamente allagato Aranova ma ha reso la vita impossibile a centinaia di pendolari, studenti e semplici fruitori del trasporto pubblico che senza alcun riparo sono stati bagnati dalla testa ai piedi dall’acquazzone che cadeva e dai laghi che si sono formati per il mancato deflusso dell’acqua piovana. La messa in sicurezza delle fermate bus non s’è vista.

Nemmeno le tanto sbandierate pensiline sono mai arrivate. Vada per il servizio di trasporto interno promesso e mai arrivato, vada per il potenziamento del trasporto pubblico anche quello promesso e mai arrivato (sulla questione bando non entriamo). Ma qui qualcosa tocca fare. È assurdo che nel 2016 non si possa prendere un mezzo pubblico perché le pensiline inaugurate non sono mai state installate.
Uno non è che voglia sempre criticare, però così non si fa nulla per toglierci quella nomea di profondo nord che ci hanno appiccicato addosso. Come sempre noi ci impegniamo a dialogare con l’Amministrazione per raggiungere risultati, ma poi la risoluzione non spetta purtroppo a noi”.

Più informazioni su