Seguici su

Cerca nel sito

#ladispoli, questione mensa scolastica: le proposte del M5S

I Pentastellati: "I cittadini sono stati sommersi da lettere di accertamento"

#ladispoli, questione mensa scolastica: le proposte del M5S

Il Faro on line – “In questi giorni, oltre 1900 cittadini di Ladispoli, sono stati sommersi da lettere di accertamento relative alla mensa scolastica, per la regolarizzazione dei pagamenti degli anni passati. Indubbio è il disagio causato alle famiglie ed in merito alla vicenda vogliamo rappresentare un contributo costruttivo alla risoluzione delle problematiche che questa modalità di recupero crediti ha generato nella cittadinanza. Sappiamo che dalle casse comunali mancano 250 mila euro per pagamenti non effettuati da alcuni contribuenti, e che già nel 2011 si era resa necessaria una misura simile per recuperare le quote non pagate, ma evidentemente il problema non è stato risolto” – è quanto dichiara in una nota il Movimento 5 Stelle Ladispoli.

Siamo consapevoli che la carenza del personale comunale non permette una adeguata azione amministrativa e che questo può generare errori di valutazione nella risoluzione dei problemi, ma è altresì vero che i provvedimenti poi adottati potrebbero avere una ricaduta negativa sulla popolazione colpendo soprattutto quei cittadini onesti, virtuosi e rispettosi delle Istituzioni”.

“Pertanto, la soluzione che suggeriamo per il superamento di questo disagio è la seguente:

1) La richiesta alle Poste dei tabulati di pagamento relativi agli anni evasi;

2) la predisposizione di un apposito progetto di produttività per il personale dipendente con l’obiettivo della verifica dei tabulati postali di pagamento con gli elenchi in possesso al Comune;

3) Successivamente l’attivazione di un sistema di recupero crediti finalizzato solo ai cittadini che effettivamente non hanno versato le quote in questione.

A nostro avviso una maggiore attenzione coniugata con una adeguata risorsa di personale è in grado di risolvere il disagio creato e rendere più “digeribile” la nostra mensa” – conclude la nota.