Seguici su

Cerca nel sito

Lazio. Garante dell’Infanzia: “Tutte le bambine hanno diritto a una crescita serena”

Marzetti: "E' compito di tutti proteggere i diritti dei più piccoli"

Lazio. Garante dell’Infanzia: “Tutte le bambine hanno diritto a una crescita serena”

Il Faro on line – “Tutti i bambini hanno diritto di vivere in un ambiente sereno e in un contesto sano, ai fini di un corretto sviluppo psico-fisico e di una crescita equilibrata. Questo vale ancor di più per le bambine, che risultano maggiormente vulnerabili e più esposte rispetto ai loro coetanei”. Lo dichiara il Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Lazio, Jacopo Marzetti, in occasione della Giornata internazionale delle bambine e delle ragazze che si celebra oggi.

Giornate come quella di oggi – afferma Marzetti – servono a ricordarci che è compito di tutti proteggere i diritti dei più piccoli, garantire loro di vivere un’infanzia felice ed eliminare tutte quelle cause e condizioni che possono esporli al rischio di abusi o sfruttamento. Come dimostrano anche i fatti di cronaca che hanno interessato la nostra regione, è necessario mantenere alta l’attenzione sul tema e attivare iniziative che possano contribuire a diffondere la cultura della prevenzione e far emergere tutte quelle situazioni in cui si può configurare una negazione dei diritti delle donne, specialmente quelle più piccole”.

I dati mondiali dell’Unicef al riguardo – prosegue il Garante – sono allarmanti. L’istruzione, il supporto genitoriale, la promozione di cambiamenti culturali e normativi, il rafforzamento delle garanzie giudiziarie e sociali rappresentano la via maestra per vincere una sfida globale così impegnativa che necessita di riposte sui territori e che può essere raccolta dal Consiglio regionale del Lazio”.

“Ben venga infine – conclude Marzetti – l’iniziativa della Garante nazionale Filomena Albano di organizzare a Ferrara, in collaborazione con l’Università, un’iniziativa di approfondimento in occasione della Giornata europea sulla protezione dei minori dall’abuso e dallo sfruttamento sessuale dei minori che cadrà il prossimo 18 novembre”.