Seguici su

Cerca nel sito

Roma 2024, Thomas Bach risponde a Malagò: “Rapporti eccellenti tra Coni e Cio. Grazie a chi ha sostenuto questo progetto”

Dopo la lettera inviata da Malagò al Cio, sul ritiro della candidatura di Roma, arriva la risposta del Comitato Internazionale

Roma 2024, Thomas Bach risponde a Malagò: “Rapporti eccellenti tra Coni e Cio. Grazie a chi ha sostenuto questo progetto”

 

Il Faro on line – Continua a godere di grande considerazione, lo sport italiano in ambito Cio. Dopo il ritiro della candidatura di Roma, per i Giochi del 2024, confermata dal Coni, lo scorso 11 ottobre, tutto il movimento tricolore temeva una crisi nei rapporti, con il Comitato Internazionale. O almeno, come il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, aveva dichiarato in conferenza stampa, vi era la consapevolezza di non aver fatto una buona figura, nel mondo sportivo mondiale.

IN CASO DI ASSEGNAZIONE, IL CIO AVREBBE ELARGITO 1,7 MILIARDI DI DOLLARI

Tuttavia, lo sport italiano conosce il proprio valore. E la storia parla da sé. Come lo fa l’ottima reputazione del Comitato Olimpico Italiano nelle stanze del Cio. Ecco allora, che la risposta di Thomas Bach, alla lettera che Malagò aveva inviato per comunicare il ritiro dalla corsa dei Giochi del 2024, è arrivata. E ha confermato che, nulla è stato intaccato dalla vicenda Roma 2024: “Il Cio è consapevole che questa è stata una decisione molto difficile da prendere per il Coni”. Così è stato ed in conferenza stampa, Malagò, in parole ed in tono di voce, non ha nascosto la delusione subita. Thomas Bach ringrazia tutti gli organi istituzionali italiani, che nei mesi in cui la candidatura della Capitale è stata in piedi, si sono mossi per adempiere al dovere verso il Cio e per promuovere la bellezza di Roma e dello sport italiano, con responsabilità e serietà: “Vorrei ringraziare il Coni ed il Comitato Promotore per il lavoro eccezionale svolto, che è il risultato di un eccellente progetto di candidatura, sostenibile, fattibile e trasparente, in linea con l’Agenda Olimpica 2020. Non c’è dubbio, che esso avrebbe lasciato un’eredità positiva per la città di Roma e per la Regione Lazio, ai quali il Cio avrebbe contribuito con un investimento, di circa 1,7 miliardi di dollari”.

IL CONI GUARDA AVANTI. SI RICOMINCIA DAI 100 MILIONI INVESTITI SULLE PERIFERIE ITALIANE

C’è rammarico, per il mondo dello sport, nel riscontrare in queste parole del Presidente del Cio, la consapevolezza che forse il sogno si poteva realizzare e che probabilmente, davvero, Roma sarebbe cambiata, grazie alle Olimpiadi. Nel caso, fossero state assegnate alla città italiana. Tuttavia, il Coni non si arrende e nel futuro, come da programmi, potrà ugualmente elargire buone iniziative, per migliorare lo sport italiano, grazie anche ai 100 milioni di euro che saranno investiti sulle periferie: “Caro Amico Giovanni – introduce la sua lettera, Bachil Comitato Olimpico Internazionale ha preso nota del ritiro della candidatura di Roma”.

I RAPPORTI CONTINUANO AD ESSERE ECCELLENTI, CON IL CIO

Nel suo messaggio, Bach ci tiene a sottolineare i suoi vivi ringraziamenti per il Governo italiano, il Consiglio della Regione Lazio e per tutti gli italiani, che hanno preso per mano questo progetto olimpico di Roma e lo hanno sostenuto: “Ti prego di stare sicuro che i rapporti eccellenti tra il Coni ed il Cio non saranno intaccati, da questa decisione, del Consiglio Comunale”. Probabilmente, è questa la frase chiave della lettera, che ha restituito il sorriso a molti, nel mondo dello sport italiano. Il futuro chiama. Lo sport azzurro è presente.