Seguici su

Cerca nel sito

#fiumicino: Isola sacra, impossibile connettersi a internet

Linea adsl degradata, un quartiere fuori dal mondo

#fiumicino: Isola sacra, impossibile connettersi a internet

Il Faro on line – C’è una situazione che va avanti ormai dal 2006 e che mette in crisi singole famiglie e attività commerciali. Si chiama “Adsl degradata”. Fiumicino e Isola Sacra sono servite dalla centrale telefonica di Via del Faro (dietro l’ufficio Postale).
Dalla centrale parte un cavo che arriva fino all’incrocio di via Trincea delle Frasche e via Passo Buole totalizzando 2,5Km. Di lì ritorna indietro a casa mia per un’altro Km totalizzando la bellezza di 4Km. Questa cosa e’ anzi ben nota a tutti gli utilizzatori di servizi in adsl di qualsiasi gestore, in quanto l’ultimo miglio famoso rimane di proprietá Telecom Italia.

Anche una azienda informatica nonché un centro di telefonia Wind-Infostrada in zona sono costretti loro malgrado ad informare i clienti che indipendentemente dalla velocità contrattata, quella reale sara’ nella migliore delle ipotesi di 2Mbps. Nella migliore delle ipotesi, perché abitiamo vicino al mare e la salsedine purtroppo corrode tutto, anche le connessioni di rame nelle centraline attaccate ai pali del telefono. A volte poi quando piove il segnale va via del tutto. Senza contare che attualmente non è possibile usufruire dei servizi ipTv, Video Chiamate, Streaming Hd, ecc..
Come risolvere il problema? Se un gestore spostasse la Dslam (centralina erogatrice del servizio Adsl) dalla attuale centrale telefonica di Via del Faro e la installasse nel ripartitore di Via Trincea delle Frasche, ne beneficerebbero oltre 500 famiglie attualmente abbonate Adsl perché la distanza coperta in rame si ridurrebbe al di sotto dei due chilometri e il servizio supporterebbe la piena velocitá. Il costo verrebbe ripagato dagli stessi abbonati con contratti Adsl più veloci.

Fantascienza? Per ora sì, visto che i gestori si guardano bene dall’accogliere le segnalazioni degli utenti, arrivate anche con formali lettere.
Forse sarebbe bene che l’amministrazione comunale si facesse carico del problema facendo da catalizzatore delle proteste e da interfaccia con Telecom. C’è chi ha cambiato 5 gestori di Adsl nella speranza che dipendesse da loro e decine di persone in zona hanno esattamente lo stesso problema, tanto che anche loro non fanno che cancellare contratti Adsl a suon di Legge Bersani.