Seguici su

Cerca nel sito

#cerveteri, Unesco: tre convenzioni per aumentare la promozione turistica

Il Comune di Cerveteri ha partecipato all'Assemblea Generale dell'Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco

#cerveteri, Unesco: tre convenzioni per aumentare la promozione turistica

Il Faro on line – Giungono segnali positivi per la promozione turistica delle città che ospitano un Sito Unesco. Lorenzo Croci, Assessore allo Sviluppo Sostenibile del Comune di Cerveteri, ha partecipato ai lavori del Direttivo e dell’Assemblea Generale dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco, svoltasi a Mantova lo scorso 6 ottobre.
“L’Associazione dei Siti Italiani Unesco – ha spiegato Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri e vicepresidente dell’Associazione – riunisce i Comuni Italiani che hanno la fortuna di ospitare un Sito Unesco per intraprendere azioni comuni”.

“L’Assemblea di Mantova – ha dichiarato Lorenzo Croci, Assessore allo Sviluppo Sostenibile del Territorio del Comune di Cerveteri – ha proposto l’attivazione di tre nuove convenzioni per dare impulso alla promozione turistica delle città Unesco collaborando con l’Enit, che è l’ente nazionale per il turismo, con l’Ansa, la principale agenzia italiana di stampa, e con la Rai, il principale network radio-televisivo italiano”.
La convenzione con l’Enit ha come scopo la creazione di nuovi spazi di visibilità a vantaggio delle Città Unesco all’interno di tutte le principali fiere e manifestazioni nazionali ed internazionali dedicate al turismo.

La convenzione con l’Ansa riguarderà la diffusione delle notizie e la promozione delle attività culturali e turistiche riguardanti le Città Unesco da parte delle Redazioni regionali dell’agenzia.
E’ stata poi proposta una convenzione al Direttore Generale della Rai per aumentare la promozione del patrimonio italiano dell’Unesco all’interno dei canali Rai.

“L’Associazione Beni Italiani Unesco ha inoltre predisposto un documento per richiedere al Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini di intervenire a supporto delle Città Unesco aumentando i fondi disponibili della Legge 77 nel Patto di Stabilità. In questo modo si permetterebbe ai Comuni che ospitano dei patrimoni storici e culturali di continuare ad investire sulla loro tutela e valorizzazione, considerando che il turismo è uno dei principali motori economici del nostro Paese”.