Seguici su

Cerca nel sito

#terremoto, il sindaco Ussita: “Siamo un paese finito” foto

Sala operativa, al momento alla Protezione Civile e ai Vigili del Fuoco non risultano morti.

Più informazioni su

#terremoto, il sindaco Ussita: “Siamo un paese finito”

Cresce la paura dopo la seconda forte scossa di terremoto di magnitudo 5.9 in centro Italia, che è stata sentita anche in Veneto. “Sono crollate parecchie case. Il nostro paese è finito”, ha detto il sindaco di Ussita, Giuliano Rinaldi.  Domani scuole chiuse anche nel comune di Macerata e all’Aquila. Interrotta la strada statale Valnerina per Visso, in località Villa Sant’Antonio. ”Sono crollati tratti delle mura di cinta, abbiamo crolli diffusi in tutto il territorio e alcune frazioni isolate, che non riusciamo a raggiungere”.

Sisma, primo bilancio danni. 2 feriti

Il terremoto di questa sera, secondo quanto risulta da un primo sommario bilancio, ha provocato crolli, l’interruzione di erogazione di energia elettrica e problemi ai collegamenti telefonici a Castelsantangelo sul Nera.
Crolli a Visso dove, ha detto il capo delle Protezione Civile Curcio, due persone sono rimaste ferite. A Norcia ulteriormente danneggiata la chiesa di Santa Maria delle Grazie. Centinaia di auto bloccate sulla Salaria, pracauzionalmente chiusa al traffico. Situazione aggravata dal maltempo.

Protezione Civile: non risultano vittime

Ore di attesa dopo la scossa che ha fatto tremare di nuovo il Centro Italia  Al momento alla Protezione Civile a ai Vigili del Fuoco non risultano morti. Le verifiche sono ancora in corso. Si sono verificati crolli, interruzioni di elettricità e chiusure di alcune strade. Il ministro dell’Interno, Alfano, sta seguendo la situazione dalla Sala operativa del Vigili del Fuoco del Viminale.

 

Più informazioni su