Seguici su

Cerca nel sito

#civitavecchia, giudizio immediato, Cozzolino: “Le opposizione politiche smettano di mentire su questa situazione”

Il Sindaco: "Chi dice che avrei dovuto informare la cittadinanza quando ero indagato, non capisce (o fa finta di non capire) che non sono mai stato indagato"

#civitavecchia, giudizio immediato, Cozzolino: “Le opposizione politiche smettano di mentire su questa situazione”

Il Faro on line – “Purtroppo sono costretto a tornare sulla vicenda per il giudizio immediato al quale sarò sottoposto.
Ho letto diverse dichiarazioni, basate su tesi completamente infondate, da parte di diversi politici locali e non posso esimermi dal riportare la notizia sui binari della verità” – lo dichiara in una comunicato Antonio Cozzolino, sindaco di Civitavecchia.

“La vicenda si è sviluppata in questa maniera: ho ricevuto un decreto penale di condanna in seguito a degli accertamenti della Asl in alcuni uffici comunali. Ritenendo di essere nel giusto e che le responsabilità di quanto accertato dalla Asl siano da cercare altrove, ho fatto  opposizione al decreto tramite il mio avvocato. C’è da precisare che, volendo, avrei potuto pagare una sanzione economica ed evitare il processo.
Devo quindi assolutamente smentire diverse falsità: non sono mai stato oggetto di indagini da parte dell’Autorità Giudiziaria e quindi non ho mai ricevuto alcun avviso di garanzia. Chi dice che avrei dovuto informare la cittadinanza quando ero indagato, non capisce (o fa finta di non capire) che non sono mai stato indagato”.

“A chi dice che il Comune dovrebbe costituirsi parte civile, rispondo invece che non è ipotizzato nessun danno erariale, quindi il Comune, anche qualora fossi condannato, non sarebbe soggetto a nessun danno economico.
Invito quindi l’opposizione a parlare di argomenti, e magari di temi che interessino i cittadini con proposte costruttive. Continuare a mentire alla collettività con l’obiettivo di screditarmi non li renderà di certo migliori a chi già 2 anni fa non li ha eletti alla guida della città” – conclude Cozzolino.