Seguici su

Cerca nel sito

#ostia, notificata ordinanza di custodia in carcere al rapinatore seriale che i Carabinieri hanno arrestato lo scorso 5 ottobre

L’ulteriore misura cautelare scaturisce da un’indagine condotta dai Carabinieri a seguito dell’arresto in flagranza di reato

#ostia, notificata ordinanza di custodia in carcere al rapinatore seriale che i Carabinieri hanno arrestato lo scorso 5 ottobre

Il Faro on line – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ostia hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Roma, ad un 44enne romano, con precedenti, per le rapine, compiute in due giorni, nei confronti di due donne.

Lo scorso 5 ottobre, i Carabinieri avevano già arrestato l’uomo quando, alle prime luci dell’alba, con un taglierino aveva inferto molti fendenti ad una donna, sola in strada, nel tentativo di strapparle la borsa. Fortunatamente i Carabinieri in transito erano immediatamente intervenuti, bloccando l’aggressore, che aveva anche opposto resistenza nella speranza di sfuggire alla cattura.

L’ulteriore misura cautelare scaturisce da un’indagine condotta dai Carabinieri a seguito di quell’arresto in flagranza di reato, quando era stata eseguita una perquisizione domiciliare a casa del rapinatore. Qui i Carabinieri avevano rinvenuto una collana che proprio il giorno prima era stata rapinata ad un’altra donna, aggredita con analoghe modalità, nella stessa zona e nella stessa fascia oraria.

I Carabinieri hanno rintracciata la proprietaria della collana denunciata rubata, che ha riconosciuto senza ombra di dubbio l’uomo, quale il malvivente che l’aveva rapinata.

All’esito delle indagini, i Carabinieri hanno richiesto alla Procura una ulteriore misura cautelare, accordata poi dal Giudice delle Indagini Preliminari proprio per impedire la commissione di ulteriori reati della stessa indole e gravità.

Al rapinatore, già recluso presso il carcere di Roma Regina Coeli, dove era stato condotto a seguito dell’ultimo arresto, i Carabinieri hanno notificato l’ordinanza, che si aggiunge alla misura alla quale è già sottoposto, per prolungarne ed aggravarne la pena.