Seguici su

Cerca nel sito

#Infernetto, blitz di CasaPound al centro profughi: “Ci hanno chiuso la porta in faccia”

CpI: "L'unica cosa certa è che il centro è gestito ancora dalle cooperative di Mafia Capitale"

#Infernetto, blitz di CasaPound al centro profughi: “Ci hanno chiuso la porta in faccia”

Il Faro on line – Ieri pomeriggio i responsabili di CasaPound del X Municipio Luca Marsella e Carlotta Chiaraluce si sono recati al centro profughi di via Porrino all’Infernetto per “esigere delle risposte che i residenti hanno diritto di conoscere” ma non sono stati fatti entrare. “Ci hanno chiuso le porte in faccia – fa sapere Cpi in una nota che ha anche diffuso un video sul web – ed evitato di rispondere alle nostre domande. Nessuno sa quanti immigrati ospita il centro, se ci sono donne e bambini, quali siano i Paesi di provenienza dei finti profughi e per quanto tempo resteranno nel centro. L’unica cosa certa è che il centro è gestito ancora dalle cooperative di Mafia Capitale. Sabato invitiamo i residenti dell’Infernetto al corteo che partirà da via Orazio Vecchi alle 17 per chiedere la chiusura di questa struttura – conclude la nota – e di quella di via Salorno”.