Seguici su

Cerca nel sito

#Ladispoli, Progetto Legalità: tornado, tutti avranno un risarcimento?

Corbo: "Riteniamo che l’annuncio di Paliotta abbia generato aspettative illusorie nella popolazione"

#Ladispoli, Progetto Legalità: tornado, tutti avranno un risarcimento?

Il Faro on line – “In città ancora si respira un’aria di impotenza per l’improvviso fenomeno che l’ha sconvolta, causando ingenti danni, a persone, mobili e immobili, alcuni dei quali irreparabili o gravemente compromessi. Tutto ciò merita la più profonda solidarietà ed è apparsa come una decisione inopportuna quella del sindaco Paliotta di promettere, sin da subito, risarcimento per i danni ricevuti a tutti i cittadini coinvolti. Ci sorprende che ciò sia avvenuto soprattutto perché l’affermazione deriva da una persona che vanta una lunga esperienza politica. Ogni persona in buona fede sa bene che è impossibile che tutti i danni possano essere risarciti e c’è da sperare che si riescano almeno a trovare le risorse pubbliche per quelli più gravi per i quali si riesca a collegare i danni subiti dall’evento” – così in un comunicato Giuseppe Corbo, per Progetto Legalità – Ladispoli città.

“Ne il sindaco è così ingenuo da pensare che la richiesta di calamità naturale possa comportare l’immediata elargizione di somme proprio in un momento nel quale nella stessa Regione Lazio altri cittadini sono vittime di eventi sismici che non accennano a placarsi e che hanno causato distruzione di interi paesi. Riteniamo peraltro che l’annuncio di Paliotta abbia generato aspettative illusorie nella popolazione che si è recata in Comune per elencare i danni subiti dei quali difficilmente potrà avere un pieno risarcimento. Sarebbe più opportuno che il sindaco, anche a seguito di intese con la Regione, ottenga una dimensione probabile delle disponibilità finanziarie da poter destinare a questo fine, proprio per rendere noto, con sincerità e realismo, quali interventi possano essere effettivamente risarciti”.

Certamente la raccolta di somme è necessaria nell’immediato per sopperire a quelle famiglie che necessitano di un sostegno concreto; per questa ragione tra le iniziative da intraprendere, proponiamo al Comune di istituire uno specifico conto corrente e renderne note le coordinate per consentire alle persone volenterose di elargire somme a favore dei più sfortunati. Qualora il Comune fosse destinatario di contributi da privati o da istituzioni pubbliche, poiché probabilmente non sufficienti a soddisfare tutte le richieste, si propone una valutazione sulla loro destinazione. A questo proposito chiediamo espressamente che venga istituita una commissione composta soprattutto da osservatori esterni, anche del mondo associativo, che potrà decidere sulla destinazione del denaro raccolto”.

“Quest’ultima richiesta si rende necessaria soprattutto in considerazione dell’approssimarsi della campagna elettorale che potrebbe condizionare la scelta delle priorità o dei soggetti a cui destinare le somme. Questione di trasparenza e di credibilità. Ritengo opportuno precisare che il sottoscritto, nonostante abbia subito gravi danni alla propria autovettura, a causa del tornado, non ha alcuna intenzione di chiedere alcun risarcimento, proprio perché ritiene prioritario che le somme raccolte vengano destinate alle famiglie che hanno subito danni maggiori o che in questo momento non siano in grado di far fronte a spese improvvise” – conclude Corbo.