Seguici su

Cerca nel sito

L’Arci #Civitavecchia al fianco delle donne vittime di violenza

Il Comitato: "La violenza contro le donne è purtroppo trasversale ad ogni cultura, nazionalità e provenienza geografica"

L’Arci #Civitavecchia al fianco delle donne vittime di violenza

Il Faro on line – “Il 25 novembre, ormai dal 1999, è la giornata dedicata all’eliminazione della violenza contro le donne. Non dovrebbe esistere questa ricorrenza, perché non dovrebbe esistere la violenza su nessun essere umano, tantomeno sulle donne. Sappiamo purtroppo che non è così: ogni giorno ci sono bambine, ragazze, donne adulte, che subiscono vessazioni, insulti, violenze fisiche e psicologiche in tutti i paesi del mondo. Sì, la violenza contro le donne è purtroppo trasversale ad ogni cultura, nazionalità e provenienza geografica e proprio per questo L’Arci Nazionale insieme a tanti comitati, come l’Arci Comitato di Civitavecchia, partecipa alle molteplici iniziative promosse in questi giorni”. Così in una nota l’Arci Comitato Territoriale di Civitavecchia.

“L’Arci comitato di Civitavecchia sente propria, in particolare, la sorte delle tante donne rifugiate, che da quando è presente il progetto Sprar hanno condiviso una parte della loro vita con l’associazione, raccontando spesso le violenze indicibili subìte durante il loro viaggio per arrivare in Italia. Donne forti che nonostante le estreme difficoltà e il dolore hanno dimostrato fino a dove può arrivare la determinazione per ricominciare a vivere”.

“Sabato 26 novembre si è tenuta la manifestazione nazionale a Roma “Libere dalla paura libere di essere, non una di meno” alla quale L’Arci Comitato di Civitavecchia insieme all’Arci Nazionale si è sentita partecipe in nome di tutte le vittime e soprattutto in nome delle generazioni future che sempre più dovranno credere di poter vincere ogni forma di violenza. Un evento importantissimo che ha visto migliaia di donne di diverse età, provenienze geografiche, unite dall’obiettivo comune di voler dimostrare di essere donne sempre più consapevoli” – conclude la nota.