Seguici su

Cerca nel sito

L’Aeronautica Militare vince il Trofeo Inalpi 2016. Oro per Baldini, Nista e Foconi

Comincia bene per la scherma italiana, la stagione post Olimpiade. Alessio Foconi, campione anche negli individuali

Più informazioni su

L’Aeronautica Militare vince il Trofeo Inalpi 2016. Oro per Baldini, Nista e Foconi

 

Il Faro on line – Si è svolto dal 2 al 4 dicembre, il Trofeo Inalpi di scherma, al Pala Ruffini di Torino. Sono state tantissime, le squadre di fioretto che hanno partecipato, sia nella categoria maschile, che in quella femminile. Nel primo caso, sono stati gli avieri azzurri ad alzare il trofeo, sul primo gradino del podio.

Nelle finali conclusive del Gran Prix Fie, la squadra del Centro Sportivo Aeronautica Militare ha vinto l’oro. E’ stata tutta italiana, la finale disputata in pedana, con la compagine delle Fiamme Oro. Alla fine, il team, composto da Andrea Baldini, Alessio Foconi e Lorenzo Nista, è salito sul gradino più alto. 13 punti di distacco, è stato il punteggio conclusivo, in tabellone, che ha visto trionfare, l’Aeronautica. 45 a 32. In semifinale, i vincitori del Trofeo Inalpi hanno superato la squadra delle Fiamme Gialle, composta da Valerio Aspromonte, Giorgio Avola, Guilliame Bianchi e Daniele Garozzo, rimasto a riposo, per una fastidiosa influenza.

In gara, per la specialità a squadre, Alessio Foconi ha bissato il successo, anche nelle gare individuali. L’aviere azzurro ha vinto, il suo torneo personale contro lo statunitense Alexander Massialas, semifinalista a Rio 2016, di fronte al campione olimpico, Daniele Garozzo. Foconi ha superato il suo avversario per 15 a 7, firmando il suo primo successo in carriera. Il suo oro nel fioretto ha incorniciato una competizione per lui, indimenticabile: “Sono al settimo cielo – ha dichiarato Alessio, come indicato nel sito ufficiale dalla Federschermaessere riuscito a vincere, proprio sulle pedane di Torino, è una soddisfazione ancora maggiore”. Una nuova stagione, in cui Alessio ha trovato il secondo podio. Il primo era giunto ad Il Cairo, in Coppa del Mondo. In questo modo, il vincitore del Trofeo Inalpi sottolinea il suo momento di forma: “Mi ha motivato il secondo posto in Egitto. E’ un momento in cui bisogna lavorare a testa bassa”. Lo ha fatto Alessio ed anche con il cuore. E’ allora arrivata, la sua seconda medaglia, del nuovo quadriennio, road to Tokyo 2020. La scherma italiana è sempre in cima, ai success internazionali.

 

Foto : Augusto Bizzi

Più informazioni su