Seguici su

Cerca nel sito

L’Asd Yoshokan fa il pieno di medaglie. 51 metalli ai Campionati Italiani Individuali e a Squadre, a Cervia

13 gli ori vinti. 6 per gli agonisti, 2 per gli over e 5 nei pre – agonisti. Record di vittorie, in tutte le graduatorie finali

L’Asd Yoshokan fa il pieno di medaglie. 51 metalli ai Campionati Italiani Individuali e a Squadre, a Cervia

Il Faro on line – Vincitori assoluti, in tutte le categorie. Dai giovanissimi, fino ai master. Continua, la tradizione positiva dell’Asd Yoshokan, ai Campionati Italiani. E quelli a squadre per gli agonisti, come la competizione di Cervia, dedicata anche agli individuali, per i bambini, ha visto il dojo lidense primeggiare, nelle classifiche finali.

Una delegazione corposa, quella che è partita da Ostia, destinazione Emilia Romagna. Circa 90 i karateka, che hanno partecipato ad un’affollata edizione del torneo nazionale Unika – Fiam, che ha visto quasi 500 partecipanti, confrontarsi nelle 5 aree allestite, in campo. Circa 40, sono state le società che hanno dato battaglia, con rispetto ed impegno, secondo i valori del karate.

Lo scorso 4 dicembre, sono stati 51 le medaglie conquistate. Un numero notevole e di grande successo. Tra di esse, 30 sono arrivate dalle categorie più piccole dei pre – agonisti, mentre 18 sono giunte dagli agonisti. Gli over 40 hanno vinto 3 metalli. Nei pre – agonisti, del kata dei bambini, è arrivato l’en plein. Oro, argento e bronzo, nella mista bianca, con Daniele Cuccuvale, Leonardo Serafini e Gabriele Campioni. L’altro bottino pieno è giunto dal kata speciale. In questo caso, il maestro Sambucioni ha espresso la sua maggiore soddisfazione: “Abbiamo diversi bambini che sono diversamente abili, sul piano psicologico. Hanno fatto bene. Mi ha fatto particolarmente piacere”. Daniele Cicciola, Andrea De Mare e Fabio Zawatzki hanno vinto l’oro. L’argento è arrivato invece da Flavia De Cesaris, Vinzia Di Salvo e Tommaso Romeo. Il terzo posto è stato conquistato a squadre, da Daniele Cuccuvale, Massimo Iacobucci e Gabriele Lerro. Un argento ed un bronzo sono stati messi al collo da Donato Saccoccio e Matteo Bernardeschi, nel kata ragazzi 1 maschile gialla. Oro ed argento invece, sono stati vinti da Alessandro Nocerino ed Alex Leone, nel kata ragazzi 3 mschile gialla – arancio. Nella bianca blu, per la categoria ragazzi del kata, maschile 1, la squadra composta da Matteo Bernardeschi, Andrea De Mare e Fabio Zawatzki ha vinto il titolo italiano, mentre Mario Santopietro, Donato Saccoccio e Carlotta Giacobbi sono saliti sul terzo gradino. Altra doppia gioia è arrivata dalle ragazze. Nella femminile bianca – blu, Veronica Mattei, Francesca Serafini e Micol Marcucci hanno messo al collo l’argento, mentre Vinzia Di Salvo, Flavia De Cesaris e Tommaso Romeo hanno vinto il bronzo.

Due ori ed un argento sono nati, dalle sfide messe sul tatami, negli individuali, degli over 40. I campioni italiani a Cervia, sono stati Mauro Iorio, per la verde blu del kata e Stefano Moscati, per la marrone – nera, sempre nella stessa specialità. La vicecampionessa tricolore è stata Isabella Petrecca, nel sanbon, della marrone – nera: “Questo sistema proporzionale, probabilmente, ci ha favorito – ha dichiarato Augusto Sambucioni, per i lettori de Il Faro on lineeravamo la società più numerosa”. E tante altre medaglie sono state il frutto, delle sfide intraprese, sul tappeto, anche dalla categoria degli agonisti. Per essi, il primo pieno di medaglie è arrivato dal kata cadetti b, nella bianca – blu maschile. Ecco, allora che Fabio Riccardi, Stefano De Martis ed Alessandro Di Bagno sono diventati i nuovi campioni italiani, di specialità. Al secondo posto, sono arrivati Claudio Campo, Diego D’Avino e Marco Calabrò. Il bronzo è stato messo al collo da Mattia Mecozzi, Marco Zampella e Davide Zinno. Stesso identico podio, anche per il sanbon, nella bianca – blu open. Nella mista blu – nera, Federica Di Bello, Alessandro Di Bagno e Stefano De Martis hanno vinto l’argento, mentre Flavia Ricciotti, Marta Tantillo e Matteo Marchesini hanno conquistato il bronzo, per la mixed. Nel sanbon, mista bianca blu open, Alessandro Gasparini, insieme ad Alessandra Di Bello e Marco Calabrò hanno vinto l’oro, secondi, con essi sul podio, sono saliti i compagni di dojo, Diego D’Avino, Alessandra Crivelli e Giovanni Pescarmona. Terzi sono giunti, Davide Crociata, Vincenzo Fini e Nicole Selenati.

Le dichiarazioni di Massimo Di Luigi:

A margine del torneo, il maestro Massimo Di Luigi e fondatore dell’Asd Yoshokan ha espresso il suo pensiero, su di un torneo impegnativo e molto partecipato: “I ragazzi sono arrivati a Cervia, ben preparati. La gara gioca tuttavia, una serie di fattori mai controllabili, è per questo che andiamo a farla. In realtà, come indirizzo finale, essa non ha tanto l’aspetto tecnico, quanto la gestione dell’emotività. E’ quella più impegnativa. Gli atleti possono essere indirizzati in un metodo, che è anche un atteggiamento mentale. Fa affrontare la quotidianità con maggiore consapevolezza, nelle proprie possibilità”.

 

Foto : Asd Yoshokan